Baraonda WWE, CM Punk fa ironia: "Mi candido io come co-presidente?"


by   |  LETTURE 2688
Baraonda WWE, CM Punk fa ironia: "Mi candido io come co-presidente?"

Sono ore complicate in WWE, dove l'addio dei co-presidenti George Barrios (ormai ex Chief Financial Officer della compagnia) e Michelle Wilson (ex Chief Revenues Officer) ha scatenato un problema dietro l'altro. L'annuncio, giunto in un giovedì apparentemente tranquillo, ha generato la sollevazione dei mercati finanziari, tanto che in poche ore le azioni della WWE hanno perso oltre il 20% a Wall Street.

E non è tutto, perché secondo altre fonti provenienti dall'America l'incertezza sul nuovo assetto societario della compagnia di Stamford potrebbe avere ulteriori effetti, come quello di allontanare alcuni sponsor e investitori di alto livello dal prodotto di proprietà di Vince McMahon e famiglia.

Insomma, una brutta gatta da pelare che ora chi comanda per davvero in WWE dovrà affrontare nella maniera più seria e risoluta possibile. Esattamente il contrario di quanto fatto da CM Punk, che non si è lasciato sfuggire l'occasione di fare come suo solito ironia sui nuovi problemi di casa Stamford.

Di fronte alla notizia dell'addio dei due co-presidenti, infatti, lo Straight Edge ha fatto un commento dei suoi su Twitter. "Come posso candidarmi?", ha infatti scritto in un post in cui prefigura un eventuale colloquio in una posizione davvero di vertice in quella WWE cui si è appena avvicinato dopo quasi sei anni di battaglie a tutti i livelli.

Difficile però che possa essere di questa natura il tanto chiacchierato "ritorno in WWE" di CM Punk: