WWE: AJ Styles attacca un fan per difendere Mauro Ranallo


by   |  LETTURE 1813
WWE: AJ Styles attacca un fan per difendere Mauro Ranallo

In WWE gli atleti e gli addetti ai lavori come arbitri, annunciatori, tecnici, fonici ecc, lavorano fianco a fianco praticamente quasi ogni giorno dell'anno e capita quindi di consueto che tra loro nasca una grande amicizia o comunque un rapporto di grande rispetto e convivialità, soprattutto tra professionisti di diversi generi, che non potrebbero andare avanti l'uno senza il lavoro dell'altro.
Durante gli ultimi anni, molti atleti e addetti della crew WWE sono stati messi alla gogna mediatica dai fan su internet e sui social, per via dei più disparati motivi, con alcuni di essi che hanno dovuto difendersi dalle accuse più false o infamanti, solo per via di una voce che girava su internet.

Nelle ultime ore, anche il campione degli Stati Uniti attuale, AJ Styles, ha dovuto prendere le parti di uno dei telecronisti sportivi più amati dall'Universo WWE: Mauro Ranallo. Il cronista, dopo essersi allontanato dalla WWE per un presunto problema con JBL nel recente passato, è tornato a commentare le cronache di wrestling, dedicandosi al roster di NXT e ha dovuto subito subire alcune critiche da parte di alcuni fan sui social.

Critiche che sono però state immediatamente rimandate al mittente da parte di Styles, che ha letteralmente insultato il fan con le seguenti parole:


"Normalmente non rispondo ai veri idioti, ma tu te lo sei meritato.

Mauro Ranallo è uno dei commentatori più occupati non solo con il wrestling, ma negli sport in cui le persone vengono messe KO. Perchè tu pensi questo quindi? Sei semplicemente un idiota mentale."



Le parole di Styles sono state molto dure nel difendere il collega commentatore della WWE, dopo che il fan lo ha paragonato ad altri commentatori come JR o Tony Schiavone, commentandolo come un incapace a loro cospetto, ma è divenuta ormai una consuetudine leggere commenti di questo tipo su tutti i social, da parte di "fantomatici" fan della disciplina del wrestling e non solo.

Speriamo che le parole di Styles e di tutti gli altri colleghi servano da lezione per gli utenti più indisciplinati della disciplina.