Zack Ryder si è guardato 6 ore e mezza di match WWE (senza un vero perché)


by   |  LETTURE 3038
Zack Ryder si è guardato 6 ore e mezza di match WWE (senza un vero perché)

Come trascorrere 6 ore e 28 minuti filati di un noioso weekend di fine estate se non facendosi un'interminabile maratona di match della WWE vecchi e meno vecchi? Questa sembra essere stata l'idea di Zack Ryder, o di chi ne cura la pagina Facebook, dato che nel corso del fine settimana a un certo punto è partita sulla pagina ufficiale del lottatore di Long Island una diretta dal titolo "20 incontri che definiscono il titolo intercontinentale"

Ma chi pensava che si trattasse di una selezione sì accurata, ma riassunta, si è ritrovato davanti una bella sorpresa. Il video lanciato in diretta dall'Ultimate Broski non era infatti una classica "Top 20", in cui magari i match in questione vengono riassunti da una voce fuori campo, e nemmeno una serie di highlights.

Nossignore: Zack Ryder si è infatti preso la briga di montare insieme venti match integrali in cui il titolo di Intercontinental Champion è stato difeso e l'ha caricata sulla sua pagina di Facebook. Durata complessiva, appunto, 6 ore e 28 minuti.

Del resto la stessa descrizione della diretta parlava piuttosto chiaro: "Unitevi all'ex campione Zack Ryder mentre si guarda 20 dei più grandi match tra quelli che hanno reso reso il titolo così prestigioso"

Il motivo di questa decisione è ovviamente da ritrovare nel compleanno che tale cintura ha festeggiato proprio in questa settimana: 40 anni di onorato servizio. E uno dei suoi più estemporanei detentori ha deciso di onorarla in questa singolare maniera.

Chiaramente dando spazio anche a se stesso: il lunghissimo filmato si conclude infatti proprio con la sua vittoria a sorpresa in occasione del Ladder Match di WrestleMania 32. Nel caso foste interessati a riscoprire tutti questi incontri, e soprattutto a dedicare sei ore e mezza della vostra vita alla cintura secondaria per eccellenza della storia della WWE, il video è disponibile sul profilo del buon Zack Ryder e lo potete ritrovare anche qui sotto: