Finn Bàlor: "Ho vinto il titolo universale troppo presto"


by   |  LETTURE 3398
Finn Bàlor: "Ho vinto il titolo universale troppo presto"

Nel 2016, nell'arco di un mese dal suo debutto nel main roster, Finn Bàlor riuscì a diventare il primo Universal champion sconfiggendo Seth Rollins a SummerSlam. Purtroppo, 24 ore dopo, il wrestler irlandese fu costretto a rendere vacante la cintura a causa di un infortunio alla spalla procuratosi durante il match titolato.

Questa notte, Finn Bàlor tenterà di riconquistare il titolo che non ha mai perso affrontando Brock Lesnar in uno dei match più importanti di Royal Rumble 2019. Per l'occasione, Bàlor ha voluto commentare quella magica notte di due anni e mezzo fa in un'intervista per ESPN, ripensando alle sensazioni provate al termine del suo regno da campione: "Ripensandoci ora, quando vinsi il titolo universale la prima volta avvenne tutto troppo velocemente, e non ero pronto.

E' come se l'infortunio fosse stato un segno dell'universo che mi voleva dire: "Ehi, Finn, è tempo di darsi da fare e di lavorare più duramente" Per come l'infortunio è arrivato, penso sia stato adatto alla mia carriera.

Era come se un nuovo ostacolo si fosse posto sulla mia strada. Ho lavorato sei anni per uscire dalla scena indipendente nel Regno Unito, sono stato otto anni in Giappone, poi due anni a NXT per aiutare il brand a crescere, e poi sono arrivato in WWE ed in tre settimane avevo lo Universal Championship tra le mie mani.

Sento come se fosse giusto che un infortunio terminasse questa storia facendomi scendere di qualche gradino, permettendomi di iniziare a lottare veramente per ciò che voglio". Per molto tempo è stato riportato che Finn Bàlor voleva fortemente un match contro Brock Lesnar; questi sono stati i suoi commenti spostando l'attenzione sull'incontro di domenica notte: "Lottare contro Brock Lesnar non è cosa da tutti i giorni.

Credo che lo scorso anno lui abbia combattuto solo otto match, quindi non molte persone hanno l'opportunità di condividere il ring con lui. Ovviamente è un compito importante e spaventoso, ma per questo apprezzo questa chance e non vedo l'ora di andare faccia a faccia con lui".