CM Punk e il post UFC 225: futuro al tavolo di commento?


by   |  LETTURE 1765
CM Punk e il post UFC 225: futuro al tavolo di commento?

CM Punk, dopo UFC 225, si trova nella condizione di dover ripartire da zero o quasi. La bruciante sconfitta contro Mike Jackson e le parole di Dana White, che di fatto ha chiuso ogni possibilità di un suo terzo esperimento nell'Ottagono, inducono lo Straight Edge a doversi interrogare sul proprio futuro.

Quale sarà il suo lavoro prossimo venturo, oltre a quello di autore di albi a fumetti? Al momento non esiste una risposta a questa domanda, ma un'ipotesi è stata formulata nella più recente edizione di 'Wrestling Observer Live' da Bryan Alvarez, che ha prefigurato per l'atleta di Chicago un futuro al tavolo di commento.

"Premetto che si tratta solo di mie congetture del tutto personali, ma non sarei minimamente sorpreso se CM Punk tentasse di salire sul carro dei telecronisti della Bellator. Credo invece che la UFC ormai non sia disposta a dargli nemmeno questa possibilità", ha osservato il giornalista.

Ricordiamo che nell'autunno del 2010 CM Punk ricoprì brevemente il ruolo di terza voce di Raw, facendo tra l'altro riferimento a questa esperienza nel suo famosissimo Pipebomb.

Per qualche minuto fece anche l'unico telecronista nella puntata di Raw del 10 ottobre 2011, con tutti i dipendenti WWE in sciopero (lottatori, tecnici, telecronisti e cameraman inclusi) e i soli Triple H, John Cena e Sheamus a dare vita all'inizio dello show insieme appunto allo Straight Edge di Chicago: