Big Show: “Se Undertaker è al 30% sta meglio degli altri che stanno al 90%”


by   |  LETTURE 5791
Big Show: “Se Undertaker è al 30% sta meglio degli altri che stanno al 90%”

The Big Show è stato recentemente intervistato da Uproxx’s With Spandex Podcast ,dove ha parlato di numerosi e importanti argomenti. Ecco le parole del World Largest Athlete: Se Braun Strowman diventera il migliore di sempre: “Lo penso.

Fin quando starà bene, avrà molto da offrire. Ha la giusta attitudine, la giusta intensità e la giusta fame, e capisce quando essere il mostro che tutti noi conosciamo e quando essere un bravo ragazzo. Puoi cercare sempre di sembrare un bravo ragazzo, ma non funziona sempre così.

Qui bisogna creare, ho sempre pensato di far divertire i fan, i miei avversari e poi me stesso, è così che puoi avere una carriera lunga. Devi intrattenere i fan e dare loro il meglio. Ma anche per restare nel business per molto tempo, in questo business bisogna offrire sempre qualcosa di unico, che tu combatta con un atleta di 1,60 o di 2,10 metri non cambia nulla.

Bisogna essere versatili e disponibili. Credo proprio che Braun farà molta strada”. Se The Undertaker si è davvero ritirato: “No andiamo, lui è Undertaker, non lo chiamiamo The Phenom senza un motivo.

Ti dirò, un The Undertaker al 30% della forma è meglio della maggior parte degli atleti che sta al 90%, la penso così. Lui è semplicemente fantastico”. Sul mancato match a WrestleMania 33 contro Shaquille O’Neal: “Beh, questo è il business.

Puoi creare hype, interesse, un angle, ma adesso sto lavorando ad altro. Shaquille aveva la giusta attitudine, voleva davvero farlo, ma allo stesso tempo è davvero impegnato. Quindi non è stato facile metterci d’accordo, non è detto però che non si possa fare.

Penso che le porte della WWE siano sempre aperte per lui, potrebbe lavorare molto bene ed ha gran carisma, non mi sorprenderei se arrivasse in WWE. Abbiamo perso una grande possibilità? Sì, se devo essere sincer.

Avremmo dovuto avere questo feud 10 anni fa. Ci abbiamo provato troppo tardi, e non ha funzionato. Ma va bene, si chiude una porta e se ne apre un’altra. Io non guardo mai al passato e non penso ai se o ai ma, penso ad oggi o a domani.

Bisogna guardare avanti”. .