Jerry Lawler, parole shock sull'Attitude Era e le molestie nello spettacolo

Jerry Lawler, parole shock sull'Attitude Era e le molestie nello spettacolo

-  Letture: 578
by

Jerry Lawler ha parlato nell’ultima puntata del suo Podcast, Dinner with The King, dove ha parlato tra l'altro delle molestie avvenute negli ultimi anni a Hollywood e di cui si fa un gran parlare negli ultimi tempi.

E la sua opinione senz'altro farà discutere non poco. Ecco le sue parole: “Sembra quasi che se qualcuno abbia mai avuto un flirt con qualcuno o magari ci sia stato un qualche tipo di rapporto fisico può essere accusato di molestie in futuro.

Il problema è che la sensibilità in questo tema è aumentata tantissimo, magari quello che anni fa veniva visto come scherzo ora è qualcosa di grave. Ho visto foto in passato dove qualcuno dormiva e che veniva immortalato con i suoi genitali di fuori, magari con il viso scoperto.

Era uno scherzo, una burla. All’epoca la vedevi come una cosa innocua, scherzi da college, non si sapeva che dopo 15 anni da quella foto poteva nascere un casino. Magari il 99% di quei ragazzi la vede ancora come uno scherzo innocente.

Ma ci sarà quell’1% che la vede come un’offesa e farà più casini di quei 99 scatenando un caso mediatico”. The King ha poi detto che nessuno ha mai usato la sua posizione per favori sessuali: “Non lo so.

Non so nulla. Mai sentito nulla in merito. Ma i tempi sono davvero cambiati. Cioè, magari se uscivi una volta in tv, o magari in WWE, dicendo che la sera ci sarebbero stato reggiseni e mutandine, quello sarebbe stato il momento clou della serata.

Il reggiseno e le mutandine combaciano. Voglio ricordare che la mia frase preferita era: le mutandine non sono la cosa più bella del mondo, ma sono di fianco ad essa”. Se era preoccupato dopo la conclusione dell’Attitude Era: “No per niente.

Tutti mi parlano, uomini e donne, di quello che successe durante l’Attitude Era con affetto. In quel momento tutto quello che facevamo era bello, figo. Tutti lo hanno amato, tutti dicono che una cosa così bella non ritornerà mai.

Solo che all’epoca nessuno si offendeva di molte cose controverse che succedevano, nessuno. Non capisco come le attitudini del Paese siano cambiate così tanto in così breve tempo, e che ora siano un tabù.

Ero abituato a commentare usando le parole reggiseno e mutandine quando c’erano le Divas. Ora la parola Divas non si può più nemmeno usare, le donne devono essere trattate come gli uomini. I tempi sono cambiati, siamo andati lontani rispetto al passato”.

.