Kurt Angle: "Ecco quali sono stati i miei avversari migliori in carriera"



by ROBERTO TRENTA

Kurt Angle: "Ecco quali sono stati i miei avversari migliori in carriera"
© WWE YouTube / Fair Use

Una delle leggende della WWE, ma anche della TNA e della NJPW, il quale ha calcato i ring di tutto il mondo, dopo essere passato da una carriera nella lotta libera americana al pro-wrestling con i McMahon è indubbiamente Kurt Angle.

Il WWE Hall of Famer ormai ritirato da qualche anno, per via dei suoi numerosi problemi fisici riscontrati in carriera, si sta ormai dedicando alle interviste più disparate, tra cui alcune che rilascia anche mentre fa le sue numerose terapie. Durante la sua ultima sessione di terapia, registrata e caricata anche su Youtube, Kurt Angle ha voluto parlare di quelli che sono stati secondo lui i migliori avversari della sua carriera, facendo nomi illustri del panorama della disciplina di ogni tempo.
Nella sua sessione di "extreme muscle therapy", Kurt Angle ha infatti affermato:

"Ho amato veramente lavorare con 'Stone Cold' Steve Austin e The Rock. Erano veramente eccitanti e così bravi al microfono. Sono stati il mio più grande traguardo... quei ragazzi che avevano il nome più grande di tutti. Non capitemi male - anche, quando ho avuto l'opportunità di combattere con Hulk Hogan, è stato incredibile.
Anche Brock Lesnar è stato un grande. Abbiamo avuto un sacco di match. Chris Benoit è stato un altro grande nome. Eddie Guerrero, Shawn Michaels - quei ragazzi sono stati i migliori. Rey Mysterio è stato un altro grande. Ho veramente amato lottare con ognuno di loro
".

Kurt Angle e la difficile situazione fisica odierna

Il WWE Hall of Famer ha rilasciato una lunga intervista per 'The Joe Rogan Experience' qualche settimana fa, come parte della promozione del documentario "ANGLE" in streaming su Peacock. E Kurt Angle, riflettendo sulle sue condizioni mediche, ha sottolineato che quelle degli ultimi tempi non sono che l'effetto dei suoi storici problemi: "Ho sempre avuto problemi con le mie capacità motorie nelle mani. Mi sono rotto il collo altre quattro volte in WWE ed è andata sempre peggio. Voglio dire, ho danni ai nervi del collo. Ho perso circa 8 cm di lunghezza in entrambe le braccia".

Proprio i guai al collo, in particolare quelli che hanno effetto sul sistema nervoso, stanno procurando i danni più gravi all'Eroe Olimpico. "Le mie braccia sono praticamente atrofizzate, visto quanto il mio collo era messo male - ha spiegato Kurt Angle -. Ho subito cinque interventi chirurgici e nessuno di loro ha funzionato davvero. Finirò per dovermi sottoporre a una fusione, in futuro dovrò farla di sicuro".

Kurt Angle