Edge, non solo la confessione sul suo contratto WWE: commovente dedica a Sheamus



by MARCO ENZO VENTURINI

Edge, non solo la confessione sul suo contratto WWE: commovente dedica a Sheamus
© WWE on Fox

Come vi abbiamo già riferito nelle scorse ore in un articolo molto approfondito sulla vicenda, Edge non si è ancora ritirato dalla WWE. Non è nemmeno certo di aver realmente disputato davvero il suo ultimo match per la compagnia di Stamford, ma solo l'ultimo che prevede il suo attuale contratto (in scadenza a fine settembre). Il leggendario lottatore canadese resta convinto di aver lottato contro Sheamus a SmackDown l'ultimo match della propria carriera a Toronto, la sua città, e questo è ciò che ha voluto dire al pubblico nel fatidico discorso pronunciato a telecamere spente a fine show. Sul resto, però, deve ancora prendere le sue decisioni una volta per tutte.

Sono tutti temi che aveva anticipato nella fatidica intervista dello scorso giovedì al 'FAN Morning Show' di SPORTSNET. Ora, a distanza di qualche ora, vi proponiamo anche alcuni altri estratti del suo interessantissimo intervento per la trasmissione radiofonica. In particolare quello sui suoi esordi nel wrestling e su quanto importante per lui sia stato vivere il match di Toronto proprio contro Sheamus.

Edge ha iniziato l'intervista parlando in realtà di argomenti molto diversi dalla WWE, dal wrestling e dalla sua permanenza del mondo della lotta professionistica. Si è infatti soffermato sulla moda, sul suo amore per l'hockey e in particolare per la squadra della sua città: i Toronto Maple Leafs. Quindi l'intervistatrice Ailish Forfar ha ricordato che la puntata di SmackDown di venerdì (in quel momento ancora da disputarsi) si sarebbe tenuta proprio a Toronto, e che la Rated-R Superstar aveva già affermato di voler tornare a combattere nella propria città prima di ritirarsi.

Edge tra il ritorno a Toronto e la grande amicizia con Sheamus

"Sapete? Sono tutti cliché. È davvero così, ne ho avuti così tanti che ci potrei riempire un libro di fiabe. Nel corso degli anni me ne sono capitati una marea se ci ripenso, e in 25 anni con la WWE è come averne vissuti per circa quattro vite. Perché la vita nel wrestling trascorre in fretta, è come calcolare un anno per i cani", ha affermato ridendo Edge.

"Ho ripensato a tutto fin dall'inizio, e tutto in un certo senso si è riavvolto nel mio cervello in modo da farmi arrivare qui per farlo commemorare a Toronto. E ovviamente è qualcosa di incredibilmente speciale per me, perché Toronto è dove tutto è iniziato - ha ricordato ancora Edge -. Sapete, mi sono allenato qui, a Jameson Avenue alla palestra Sully's. Bussavo a ogni porta di Toronto per cercare di imparare come si fa e acquisire esperienza. Era davvero surreale, le mie ragazze mi stavano vicino, i miei amici del liceo e del college. Volevo davvero essere una celebrità, e il fatto di riuscire ora a lavorare con Sheamus è importante".

A questo punto, Edge si è soffermato proprio su Sheamus facendo capire a tutti quanto abbia a cuore l'amicizia con l'irlandese: "Lui è un ragazzo che è stato con la compagnia per circa 15 anni e non abbiamo mai avuto un match uno contro uno. Ma siamo molto vicini, è davvero un mio carissimo amico. Tutto quello che ho detto nel nostro show venerdì scorso è vero, per quanto lo riguarda. Lui è stato il catalizzatore che mi ha permesso di riprendere questa carriera, recuperare quest'ultimo capitolo e farlo alle mie condizioni. Lui è il motivo per cui sono tornato, e per cui e sono ancora qui. Quindi condividere questo momento anche con lui è davvero fantastico. Non so come dirlo diversamente da così. Ma mi sento davvero in estasi, e mi sentirò anche sollevato quando tornerò negli spogliatoi e potrò permettermi di fare un respiro profondo".

Edge