Goldberg e i piani per un "tour di ritiro": intende fare così (con o senza WWE)

Nonostante i problemi che sostiene di stare avendo soprattutto con Vince McMahon, Da Man sta provando a organizzarsi da solo.

by Marco Enzo Venturini
SHARE
Goldberg e i piani per un "tour di ritiro": intende fare così (con o senza WWE)

Goldberg intende organizzare un tour che culminerà nel suo ritiro dal wrestling attivo. A confermarlo è stato lui stesso, pur ammettendo che questa operazione potrebbe avvenire senza la collaborazione della WWE. Da Man, infatti, ha spiegato di aver provato a coinvolgere la compagnia nel suo progetto, ma di aver trovato ostacoli da parte di Vince McMahon e dei suoi vari dipendenti. Ha però tutte le intenzioni di procedere in ogni caso.

In base a quanto riferito da 'PWInsider Elite', infatti, Goldberg si era recato personalmente a Los Angeles in occasione della WrestleMania Week per provare a porre le basi per le diverse iniziative che porteranno al suo ultimo match nel wrestling. Una volta verificato il basso interesse della WWE a supportarlo, però, ha iniziato ad agire per conto proprio. A tale scopo, infatti, avrebbe organizzato "incontri con almeno un grande promoter di livello internazionale". Si parla anche delle possibili tappe del suo tour, che oltre che il suolo americano potrebbe toccare anche Israele. L'ex Universal Champion, notoriamente di fede ebraica, punta a organizzare a Gerusalemme o Tel Aviv almeno uno dei match (che dovrebbero essere non meno di quattro) che ha in mente.

Il suo "tour di ritiro": ciò che Goldberg ha anticipato

L'intera vicenda, di cui abbiamo già parlato sulle pagine del nostro sito, è stata anticipata da Goldberg in persona in un'intervista per '93.7 The Ticket'. "Fermerò subito i rumors. Il motivo per cui le voci circolano - ha spiegato Da Man - è che io e Vince McMahon abbiamo avuto una stretta di mano che mi ha fatto capire che dopo il match con Roman Reigns avrei avuto un match di ritiro. E questo non è avvenuto da parte loro quindi… nessuno mette un timbro sulla mia carriera. Nessuno mi dice quando ho finito. Punto. Fine della storia. Quando qualcuno me lo dice, mi piace contestarlo. Mi piace fare le cose a modo mio. Vado per la mia strada, e di certo non esco sotto Roman Reigns tre settimane dopo che ho avuto il COVID e ho accettato di fare un match".

"Se vado in un tour mondiale e lo promuovo io stesso - ha quindi aggiunto Goldberg -, questa è una possibilità. Ehi, sono un uomo d'affari, e fortunatamente, sai, sono nella posizione in cui credo fermamente che posso ancora farlo accadere. Alla fine della giornata, come ho detto, credo che il mio personaggio meriti un congedo adeguato. Finché non succede, amico, non credo che li appenderò [gli stivali al chiodo], sai. Tutto è un’opzione. Sono molto propenso a promuovere me stesso e fare un giro del mondo di quattro città. Lascia che i rumors circolino dopo questo".

Goldberg Vince Mcmahon
SHARE