Batista: "Non ero assolutamente pronto a diventare campione mondiale"



by   |  LETTURE 1575

Batista: "Non ero assolutamente pronto a diventare campione mondiale"

Batista è diventato famoso in tutto il mondo grazie alla sua esperienza in WWE, federazione nella quale ha militato fra il 2002 e il 2010 (regalandosi poi altri due brevi stint nel 2014 e nel 2019). Durante la sua carriera, Dave si è aggiudicato quattro volte il titolo dei pesi massimi, due volte il WWE Championship, tre volte il World Tag Team Championship e una volta il WWE Tag Team Championship.

Come se non bastasse, l'atleta ha vinto due edizioni del Royal Rumble match (nel 2005 e nel 2014). The Animal ha disputato il suo ultimo incontro a WrestleMania 35 contro il suo grande amico/nemico Triple H, da cui è stato sconfitto in un No Holds Barred match, ritenuto da molti membri del WWE Universe un po' scadente e da altri invece la chiusura perfetta della carriera dell'Animale della WWE, dopo l'inizio con l'Evolution.
Batista, insieme a Randy Orton, John Cena e Brock Lesnar, sono considerati i prodotti migliori della OVW, compagnia satellite della WWE dei primi anni 2000, con i quattro wrestler che sono diventati alla fine dei punti fermi per la federazione, tanto da essere annoverati tra i migliori wrestler di ogni tempo dalla compagnia.

Batista e la preparazione per la vittoria del suo primo titolo mondiale

In una delle sue ultime interviste rilasciate per la compagnia, l'Animale della WWE ha voluto parlare della sua prima vittoria titolata importantissima, arrivata sui ring di Wrestlemania 21, dove venne consacrato oltre lui anche John Cena come WWE Champion.

In questo contesto, Batista ha affermato di non essere stato per niente pronto a quello che avrebbe dovuto affrontare, dicendo:

"Non posso crederci a quello che è successo a questo punto, perché è accaduto tutto così velocemente, sono passato dall'essere un ragazzo di background che non aveva mai avuto dei grandi piani all'essere il top guy della compagnia.

Adesso sono la bandiera. Adesso sono io a portare la cintura ed ho un sacco di responsabilità che derivano da ciò. Ero così impreparato. Non ero preparato e pronto per quello che mi attendeva".