WWE Hall of Famer riceve gratitudine da parte di John Laurinaitis e non solo



by   |  LETTURE 1143

WWE Hall of Famer riceve gratitudine da parte di John Laurinaitis e non solo

In WWE John Laurinaitis ha ricoperto principalmente ruoli dirigenziali e nella sua carriera ventennale è stato, tra le tante cose, anche General Manager di RAW.
Nonostante una carriera importante nella federazione di Stamford, Laurinaitis è stato uno dei dirigenti che ha abbandonato la WWE dopo l’addio di Vince McMahon.
Molti non sanno però che il 60enne di Filadelfia è stato anche un lottatore: infatti tra il 1988 e il 2000 Laurinaitis ha lottato in giappone, per l’AJPW (All Japan Pro Wrestling, ndr), poi ritirandosi e concentrandosi solo ai ruoli nel backstage.
Malgrado una gran fetta di fan lo abbia sempre criticato per le scelte prese durante la sua lunga carriera WWE, un Hall of Famer della compagnia ha speso parole importanti per l’ex manager di RAW.

“Era il nostro portabandiera”

Il WWE Hall of Famer Bushwhacker Luke ha parlato con Sportskeeda Wrestling e, fra i tanti argomento, la leggenda neo zelandese ha speso parole importanti e quasi protettive nei confronti di John Laurinaitis: “Molti di loro devono venire a ringraziarci per averli aiutati; sapete cosa intendo. Uno dei più importanti era il braccio destro di Vince, John Laurinaitis. Era il nostro portabandiera. E gli abbiamo insegnato i trucchi del mestiere, diventando poi un lottatore, ed è andato in Giappone, diventando poi il braccio destro di Baba Gigante per circa 5 anni. E quando è morto ha preso il libro di Baba Gigante per poi darlo alla signora Baba.”

“Li abbiamo aiutati molto al loro arrivo”

Bushwhacker ha poi affermato di aver aiutato tanti team e tra questi ci sono anche The Nasty Boys: “Abbiamo aiutato tanti team all’epoca e tra questi ci sono anche Knobbs e Sags, i Nasty Boys, e tutti quanti ci hanno ringraziato per l’aiuto che gli abbiamo dato. Quando sono arrivati in WWE, erano dei ciocchi di legni, dei blocchi di ghiaccio che non sapevano cosa fare, e Butch e io abbiamo aiutati a sciogliersi un po’"