Accuse verso una Superstar WWE: “Ha rubato qualcosa di mio, deve smettere di usarlo”



by   |  LETTURE 2595

Accuse verso una Superstar WWE: “Ha rubato qualcosa di mio, deve smettere di usarlo”

Parlando con Scott Mitchell di PWMania, la wrestler della NWA Natalia Markova ha parlato un po’ della situazione attuale che sta vivendo con la sua carriera, ma anche di una cosa molto particolare legata ad una sua catchphrase.

Infatti sembra proprio che la Superstar della WWE Carmella le abbia soffiato una sua frase caratteristica: “Faccio molte ramanzine contro qualsiasi tipo di dramma, non lo sapevo nemmeno fino a quando la gente non ha iniziato a taggarmi su cose riguardo a lei che usa la mia catchphrase. Mi sarei aspettata che smettesse di farlo per rispetto del mondo del wrestling. Sono una nota wrestler, ho fatto molto. Ho avuto una grande carriera, anche se non sono la wrestler più popolare, la gente sa di me.”

La frase in questione è stata pronunciata da Carmella sia in WWE che sui social in forma scritta però e si tratta di “A badass with a great ass”, che in italiano non fa rima e non ha lo stesso impatti, ma che si traduce in “una tipa tosta con un bel sedere”.

La Markova ha così continuato a criticare questo furto: "Roba del genere è una cosa da poveri [d’animo ndr.] e non è la cosa giusta da fare. Penso che rubare sia un male, non importa se sei una grande star o una piccola star, è irrispettoso e se vuole essere una persona nobile deve smettere di usare la mia catchphrase.”

La carriera della Markova in NWA

Sempre durante questa intervista, la Markova ha anche parlato della sua esperienza in NWA: "Far parte della NWA è incredibile. Billy Corgan è un boss incredibile. Quando vai agli show NWA, si vede il cuore e l'anima che tutti dietro le quinte mettono nel prodotto. Fanno un grande sforzo cercando di raccontare una storia. Quando vai a uno show, vogliono che tu provi emozioni reali. Alla NWA vedi personalità, personaggi reali e vedi la storia.”

Di recente vi abbiamo anche riportato che la compagnia sta per introdurre un nuovo titolo femminile secondario.