Adam Cole ricorda il suo bizzarro incontro con Kurt Angle

Kurt Angle è stato inserito sia nella Impact Hall of Fame che nella WWE Hall of Fame

by Simone Brugnoli
SHARE
Adam Cole ricorda il suo bizzarro incontro con Kurt Angle

Kurt Angle è stato inserito sia nella Impact Hall of Fame che nella WWE Hall of Fame e viene riconosciuto come uno dei wrestler più tecnici di ogni epoca. È l’unico performer nella storia ad aver detenuto il WWE Championship, il titolo dei pesi massimi, il WCW World Heavyweight Championship, il TNA World Heavyweight Championship e l’IWGP Third Belt Championship.

È stato inoltre campione del mondo di lotta libera e si è aggiudicato la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Atlanta 1996. Angle si è ritirato a WrestleMania 35, dopo essere stato sconfitto da Baron Corbin nel suo ultimo match.

Non è un segreto che Kurt avesse designato John Cena come suo ultimo avversario, ma gli innumerevoli impegni del bostoniano hanno impedito che tale progetto si materializzasse. Nell’ultima edizione del ‘Kurt Angle Show’, Adam Cole (star della AEW) ha rivelato di essersi sempre ispirato al mitico Kurt.

Adam Cole idolatra Kurt Angle

“Ho letto una miriade di volte il libro di Kurt Angle, in cui racconta tutti gli sforzi che ha dovuto fare per diventare un wrestler professionista. Si allenava tantissimo e non lasciava nulla al caso.

Ha lavorato più di chiunque altro per realizzare i suoi sogni. È anche grazie a lui che ho intrapreso questa carriera” – ha rivelato Adam Cole. ‘The Panama City Playboy’ ha poi ricordato il suo primo incontro con Angle: “Avevo paura anche solo di salutarlo.

Mia madre era lì con me. C’era un enorme sorriso sul volto di Kurt e mia madre mi ha incoraggiato a stringergli la mano. Ero molto nervoso e non riuscivo a nasconderlo. Mi trovavo di fronte ad uno dei più grandi wrestler di tutti i tempi”.

Di recente, l’ex medaglia d’oro olimpica ha confidato di aver ricevuto una bella offerta dalla AEW: “Volevano davvero che tornassi a lottare, in particolare Tony Khan. Mi hanno fatto una buona offerta, ma non ce la faccio più.

Mi hanno proposto un contratto per dieci match, senza specificare quanto sarebbe durato. Ho rifiutato perché non sono più l’atleta di un tempo”.

Adam Cole Kurt Angle Hall Of Fame
SHARE