Theory e la scelta del suo ring name

Come mai ha scelto proprio Theory? In un intervista ha spiegato le sue motivazioni

by Gabriele Marsella
SHARE
Theory e la scelta del suo ring name

Si sa, i nomi che vengono utilizzati dai wrestler come ring-name di solito non sono mai quelli reali, come ad esempio Finn Balor/Fergal Devitt,  Roman Reigns/Leati Joseph Anoa’i, Becky Lynch/Rebecca Quin e molti, moltissimi altri.

Alcuni lottatori che appaiono negli show televisivi della WWE, AEW e non solo, oltre alle varie indies, ci vengono presentati con determinati nomi e dunque viene da chiederci “Come mai si chiama così? Perché ha scelto proprio questo nome? Avrà un significato speciale per lui?”

Visto che è tra i wrestler più gettonati del momento, tra i più giovani a possedere il titolo US in WWE ed è il più giovane Mister Money in the Bank nella storia della federazione, non potevo non parlare di Austin Theory, poi diventato solo Theory.

Theory e la scelta del nome fatta per uno specifico scopo

In un’intervista che sta tornando molto di moda in questi giorni, rilasciata agli albori della sua carriera allo Youtuber Chris Van Vliet, quando cominciò da poco tempo a calcare il ring del Performance Center e poi quelli di NXT prima e RAW poi, Austin Theory ha affermato di aver preso spunto da un videogame della Saga TEKKEN e ha raccontato anche tanti altri aneddoti.

“Quando ero bambino, all’incirca verso 8 anni, ho cominciato a guardare il wrestling in TV e avrei fatto di tutto per praticare “trampoline wrestling” in giadino” afferma l’attuale Mister Money in the Bank, che poi continua: “uno dei miei amici aveva una PSP, non so se esiste ancora, non sono un amante dei videogame, ma questo mio amico aveva un gioco interessante, ovvero Tekken e c’era un personaggio che si chiamava Brandon Fury (in realtà il nome è Bryan, ma riportiamo la notizia per com'è stata data, con Theory che probabilmente ha fatto confusione) ed ero rimasto scioccato dal nome fantastico che aveva. Allora ho pensato “Devo avere anche io un nome figo” ma non potevo togliere Austin, che è il mio vero nome (Austin White, ndr) ma non volevo copiare Fury, cosi ho cercato qualcosa che facesse rima con questo nome e ho trovato Theory, quindi ho detto “Ok, mi chiamerò Austin Theory”. Una volta entrato nel mondo del wrestling, molte persone mi hanno chiesto il significato di questo nome e gli ho spiegato che Theory (teoria, in italiano, ndr) non è dimostrabile, non è un dato di fatto e quindi se non provata posso dunque migliorare me stesso. Poi è diventato un po’ più complicato perché le persone pensavano che la spiegazione fosse troppo dispersiva e quindi da un certo momento ho detto “Austin Theory mi piaceva come nome perché molto figo”.

Potete guardare questa intervista cliccando direttamente questo link!

SHARE