Alcune parole di The Undertaker fanno centro: Miro si irrita e risponde



by   |  LETTURE 4368

Alcune parole di The Undertaker fanno centro: Miro si irrita e risponde

Nel gennaio del 2021 The Undertaker ci era andato giù pesante con i wrestler della nuova generazione affermando questo quando gli è stato chiesto se segue ancora il professional wrestling regolarmente: “Ci ho provato. È difficile in questo momento, per me, perché il prodotto è cambiato così tanto. È un po' soft. Probabilmente farò incazzare un sacco di gente ma hanno bisogno di sentirlo. Penso solo che il prodotto sia un po' soft.”

La leggenda aveva anche aggiunto che i wrestler di oggi backstage si preoccupano solo di giocare ai videogiochi, mentre quando lottava lui, backstage giravano coltelli e pistole, come a dire che i suoi colleghi moderni sono poco uomini, mentre una volta erano tutti più tosti e duri, dei veri uomini.

Miro racconta la sua esperienza rispondendo al Deadman

Durante una nuova intervista rilasciata ai colleghi americani di Fightful, il wrestler AEW Miro ha parlato di come ha riscoperto il suo amore per i videogiochi e come l'hobby non è qualcosa che dovrebbe essere disapprovato da qualcuno, lanciando un messaggio proprio al WWE Hall of Famer.

"Tutto è iniziato molto accidentalmente. Dopo il mio rilascio dalla WWE, non avevo nulla. Sono dovuto stare a casa per tre mesi e non ho potuto lavorare da nessuna parte. Per fortuna Xavier Woods e il mio mentore Shaq, mi hanno ispirato a fare quello che amo fare. Amo giocare ai videogiochi nel mio tempo libero. L'ho amato da quando avevo quattro anni. Perché non farlo quando mi sto rilassando a casa e mi connetto con i miei amici e il pubblico? È stata una grande esperienza. 

Dobbiamo crescere come comunità. Non tutti guardano il wrestling, sono solo fan dei gamers. Essere in grado di fare quel crossover e mostrare loro cosa è il wrestling o mostrare ai lottatori cosa sono i videogiochi, in qualsiasi modo tu voglia girarlo, i videogiochi sono una parte così importante del mondo di oggi. 

La gente sta cercando di parlare male dei videogiochi, cosa che non ho mai capito. Tutti abbiamo il nostro tempo libero. Alcune persone vogliono bere alcolici e fumare sigarette e farsi di eroina e altri vogliono giocare ai videogiochi. Alcuni di questi veterani dicono che è una brutta cosa. Non penso che sia una brutta cosa. Solo perché ora abbiamo più cervello delle persone di prima, non significa che i videogiochi siano cattivi. Mi dispiace Undertaker, non abbiamo armi e droghe e non combattiamo nel backstage."