Ric Flair duro nei confronti delle compagnie di wrestling: "Limitano i lottatori"



by   |  LETTURE 923

Ric Flair duro nei confronti delle compagnie di wrestling: "Limitano i lottatori"

In pieno stile Nature Boy, parlando al Two Man Power Trip, Flair ha spiegato perché le compagnie di professional wrestling avrebbero bisogno di gestire meglio i propri talenti:  "Se avessi 35 anni in questo momento, non sarebbero in grado di permettersi di prendermi, e amico, hanno bisogno di aiuto con gli ascolti in questo momento, entrambe [WWE e AEW ndr.]. Quelle interviste scritte, si può dire da un miglio di distanza se i ragazzi le sentono o no, c’è un sacco di pressione nel leggere qualcosa che in realtà non senti nel tuo cuore. 

Questa è una grande differenza. Se stanno pensando a quello che hanno memorizzato, non ci mettono nessuna emozione. Questo è solo parlare genericamente. Non vende i biglietti. Quando The Rock tornerà a lottare contro Roman (Reigns), venderà i biglietti. Quando Steve Austin tornò, vendette i biglietti. È un periodo di tempo diverso. Il talento è grande, non fate errori, ci sono alcuni grandi lottatori. (Randy) Orton, mia figlia [Charlotte Flair], Sasha Banks, AJ Styles. C'è una lista con una top ten grandiosa tra le due aziende, ma gli eventi si vendono ora, tanto quanto i lottatori. Non credo che li lascino abbastanza liberi. Vogliono essere sicuri di ottenere gli inserzionisti giusti, tutti devono essere felici. 

È un mondo completamente diverso. Mi piace ancora, sento solo che i ragazzi che sono davvero grandi come Randy e mia figlia, sono trattenuti perché vogliono solo che la gente vada lontano fino ad un certo punto. Non vogliono che nessuno diventi The Rock, che se ne vada o diventi Steve, che può dire: ‘Non voglio farlo.’  In passato Hulk (Hogan), avrebbe detto: ’Non voglio farlo,' aveva quel tipo di potere. Non so se sia salutare, ma Vince non permetterà che accada di nuovo. Non permetterà a nessuno di mettersi in una posizione tale da poter dire: ‘Ehi, ci vediamo.’ Lo capisco, sono affari”.

Al wrestling mancano delle grandi stelle che possono brillare?

A questa domanda, Flair ha risposto: "Penso che Roman, mia figlia, Randy, AJ siano più grandi di tutto, ma non lasciano che diventino più grandi di quanto vogliono. Non c'è mai stata una worker migliore in azienda di mia figlia, punto, ma hanno intenzione di tenerla sotto controllo. Tengono tutti sotto controllo. Non lasciano che la situazione vada fuori controllo.

I talenti sono limitati. Hanno appena ingaggiato 70 ragazzi diversi, atleti del college, su quei 70, scommetto che due di loro ce la fanno. È un'attività diversa. Essere un buon atleta al college non ha nulla a che fare con l'essere un lottatore. Tempo lontano da casa, sacrificio, tre giorni a settimana da mezzogiorno fino a mezzanotte. Sono un sacco di cose."