Vince Russo attacca la WWE: "Rey Mysterio non serve più a nulla"



by   |  LETTURE 1134

Vince Russo attacca la WWE: "Rey Mysterio non serve più a nulla"

Nel corso della loro storia in WWE due atleti della compagnia come The Miz e Rey Mysterio sono sicuramente atleti di primissimo piano. Da anni in WWE questi hanno ottenuto diversi successi e grande consenso (come Face e come Heel) da parte del pubblico.

Negli ultimi mesi entrambi i wrestler hanno però avuto un ruolo davvero marginale all'interno della compagnia. The Miz, tra infortuni e soliti show, non ha fatto quasi nulla mentre Rey Mysterio è utilizzato quasi come una comparsata nei match (contro avversari di basso rilievo) di suo figlio Dominik.

L'ennesima riprova è stata avuta nel corso dell'ultima puntata di Monday Night Raw. The Miz è stato sbeffeggiato e poi sconfitto da Matt Riddle mentre Rey è intervenuto nel match tra Dominik e Veer Mahaan, causando così la sconfitta del figlio per squalifica.

Le parole di Vince Russo sui due ex campioni

Nel corso dell'ultimo episodio di Legion of RAW l'ex membro del Team creativo dello show rosso Vince Russo ha discusso con il Dr.Chris Featherstone, riguardo i due wrestler.

Russo ha chiarito come fare vincere match a star emergenti (come Riddle e Veer) contro The Miz e Rey Mysterio non serve, visto che al momento questi due non valgono quasi nulla. Russo ha spiegato:

"Nella mente del team creativo parliamo sempre di un campione come Rey Mysterio.

Pensi, Veer affronta Rey Mysterio e lo batte, farà uno step in avanti, la stessa cosa Riddle con The Miz ma in realtà non è così. The Miz è stato ridicolizzato mentre ancora peggio a Rey Mysterio che attualmente non significa nulla in questa compagnia.

Ormai le vittorie di Riddle e Veer contro questi non servono a nulla. Il loro ruolo all'interno dello show è ormai marginale" Recentemente Rey Mysterio ha parlato del suo finale di carriera, rilasciando le seguenti dichiarazioni: “Sono super soddisfatto della carriera che ho avuto, non posso davvero lamentarmi.

Ho collezionato tanti successi, mi sono tolto innumerevoli soddisfazioni, ho girato il mondo e ho conosciuto tante persone splendide. Non avrei mai pensato di esportare la mia cultura in Europa, a Istanbul, in Arabia Saudita e in Iraq.

Sto cercando di fare del mio meglio in quest’ultima parte della mia carriera. Voglio soltanto godermi la crescita di mio figlio Dominik”