Ric Flair: "Alle ragazze piaceva tantissimo Batista"



by   |  LETTURE 2973

Ric Flair: "Alle ragazze piaceva tantissimo Batista"

Batista ha fatto la storia della WWE, affermandosi come una delle migliori superstar di ogni epoca. Il sei volte campione del mondo ha preso parte a diverse faide memorabili, che hanno fatto impazzire i fan e gli hanno permesso di trascendere il wrestling.

Durante la sua eccezionale carriera, Dave si è aggiudicato due edizioni del Royal Rumble match e ha collezionato qualsiasi riconoscimento immaginabile. Il suo primo regno da campione dei pesi massimi, durato ben 282 giorni, è il più lungo nella storia del titolo.

Batista ha sfidato Triple H a WrestleMania 35, annunciando il suo ritiro dal wrestling subito dopo essere stato sconfitto da The Game. Negli ultimi anni, il 53enne di Washington ha intrapreso con successo la carriera cinematografica seguendo le orme di The Rock e John Cena.

Nell’ultima edizione del podcast ‘To Be The Man’, il mitico Ric Flair ha ricordato la sua esperienza lavorativa con Batista durante il periodo di ‘Evolution’. Nel gennaio 2003, Batista, Randy Orton, Ric Flair e Triple H si unirono per formare una delle stable più popolari dell’era moderna.

Ric Flair su Batista

“Beh, Triple H non usciva molto in quel periodo e Randy Orton aveva numerosi impegni. I momenti migliori sono quelli che ho passato in compagnia di Batista” – ha raccontato Ric Flair.

“Andavamo nei bar delle varie città ed eravamo sempre accolti benissimo. Alle ragazze piaceva tantissimo Dave. Hunter ha speso più soldi per il cibo di quanti io non ne abbia spesi per comprare da bere” – ha aggiunto il 16 volte campione del mondo.

Il ‘Nature Boy’ ha parlato anche di Edge: “Lo adoro perché è in grado di fare qualsiasi cosa sul ring. Ha un bell’aspetto, è bravissimo al microfono e non ha rivali a livello di carisma.

Ha curato il suo fisico in maniera impeccabile, tant’è vero che riesce a competere alla pari con avversari molto più giovani di lui. Non vorrei esagerare, ma credo che stia meglio adesso rispetto a dieci anni fa. Non ha punti deboli e può lavorare a pieno regime, anche se il suo contratto non lo prevede”.