Trouble in Paradise - Speciale Persia Pirotta III: Nessuna sorpresa sul rilascio



by   |  LETTURE 567

 Trouble in Paradise - Speciale Persia Pirotta III: Nessuna sorpresa sul rilascio

Ovviamente come accennato più volte, sia in questa rubrica che nei nostri articoli settimanali, i licenziamenti in WWE non sono più una sorpresa per nessuno e ogni persona che lavora per la compagnia in qualche modo si prepara già psicologicamente per affrontare una possibile perdita del posto di lavoro.

Questo è accaduto anche a Persia, che ovviamente non è felice di aver perso l’opportunità di vivere il suo sogno nella compagnia di Stamford, ma in qualche modo non è rimasta sorpresa dalla notizia del suo rilascio.

Fa male, ma non è inaspettato

Infatti ai microfoni di Fightful ha raccontato: "Come è avvenuto, non voglio dire che è uno shock, perché non penso che si possa dire che sia uno shock dato come funzionano le cose da quando sono arrivata. Ovviamente, è straziante. La WWE è il mio lavoro dei sogni e perderlo è ovviamente una perdita enorme. 

Ma ci ho pensato molto e da quando sono approdata in WWE, l'anno scorso, questo tipo di tagli sono arrivati molto spesso e anche un po' dal nulla. Quindi penso che sarebbe sciocco dire che ero così scioccata e così presa alla sprovvista, perché per come funzionano le cose in questo momento, sai che accadrà. Sai che quella telefonata arriverà. 

Ovviamente vorrei che non fosse accaduto adesso, mi sento come se avessi molte più cose da fare in WWE, ma non direi che è un tale shock, perché non credo che ci siano molte persone che possono essere completamente sicure che sono al sicuro in questo momento."

Inoltre ha anche parlato del fatto che ovviamente dopo Wrestlemania è facile aspettarsi dei rilasci: “È una di quelle situazioni in cui sai che i rilasci avverranno subito dopo Wrestlemania. Quindi penso che ognuno ci pensi dentro di sé. Poi solitamente arriva la chiamata trimestrale. Questo ti fa pensare perché non avevano fatto nulla quest'anno. Non ci era stato detto nulla, ma lo vedi abbastanza e dici: ‘Sono passati più di tre mesi…’ Poi ci pensi sempre di più e abbastanza persone iniziano a pensare alla stessa cosa. Sai com'è il wrestling. Tutti parlano tra di loro.

Quindi c’era una sensazione che i rilasci sarebbero arrivati presto. Come ho detto, è una di quelle cose a cui penso molto e non è una cosa sana sedersi lì e stressarsi su di essa costantemente e personalmente avrei voluto lasciare andare di più quella sensazione, ma personalmente non ho potuto. Mi preoccupava molto, è il lavoro dei miei sogni. Certo, ho paura di essere licenziata. Soprattutto considerando il modo in cui le cose sono andate.”

  1. Trouble in Paradise - Speciale Persia Pirotta I: Tenuta nel limbo dalla WWE
  2. Trouble in Paradise - Speciale Persia Pirotta II: L’amicizia e poi l’amore