Rob Van Dam ricorda il suo arresto nel 2006



by   |  LETTURE 2734

Rob Van Dam ricorda il suo arresto nel 2006

Rob Van Dam è uno dei simboli indiscussi dell’era moderna. Durante la sua lunga e gloriosa carriera, ha militato nelle più importanti federazioni del pianeta e ha lasciato un segno indelebile in ciascuna di esse.

Oltre ad essere stato un tre volte campione del mondo, RVD è l’unico wrestler capace di diventare un Triple Crown Champion sia in WWE che in ECW. Il 51enne di Battle Creek si è inoltre aggiudicato il Money in the Bank nel 2006 ed è stato l’unico performer di sempre a detenere contemporaneamente il WWE Championship e l’ECW World Heavyweight Championship.

Nel 2021, è stato inserito con pieno merito nella WWE Hall of Fame. Van Dam è noto anche come ‘The Franchise of ECW’, essendone stato l’uomo di punta dalla fine degli anni novanta fino al fallimento della compagnia.

Rob ha toccato il punto più alto della sua carriera nel 2006, quando ha sconfitto il mitico John Cena a ‘One Night Stand’ conquistando il titolo WWE. In seguito a quella vittoria, Van Dam è stato arrestato per possesso di marijuana e la sua cintura è stata resa vacante.

Intervistato da Simon Miller per ‘WhatCulture’, RVD ha ricordato quello spiacevole episodio.

RVD è stato arrestato nel 2006

“Poco dopo essere diventato campione del mondo, ho commesso una leggerezza di cui mi pento ancora oggi” – ha ammesso Van Dam.

“Non avevo una dose cospicua di marijuana con me e in alcuni Stati è addirittura legale, ma tanto è bastato perché fossi arrestato. Il mio titolo è stato reso vacante e io ero davvero a pezzi in quel momento.

Sono felice di essere riuscito a risalire la china” – ha aggiunto. Rob ha poi commentato i numerosi rilasci effettuati dalla WWE: “Per diverse ragioni, non mi sono mai sentito intoccabile quando militavo in WWE.

Le persone rimangono di stucco quando un atleta viene licenziato e ora sta accadendo con grande frequenza a causa del COVID. Anche quando ero campione, non ho mai pensato di avere il posto garantito. Si tratta pur sempre di un business, in cui tutto può cambiare all’improvviso”.