Cesaro stroncato dalla stella AEW: "Non mi piace e non lo rispetto"



by   |  LETTURE 1885

Cesaro stroncato dalla stella AEW: "Non mi piace e non lo rispetto"

Eddie Kingston è nel business del wrestling professionistico da molto tempo e nel corso della sua carriera ha avuto diverse faide con numerosi talenti. Durante una recente intervista con New York News 12, Kingston ha criticato un’importante Superstar della WWE.

Eddie Kingston: "Non mi piace e non rispetto la gente come Cesaro"

Su Cesaro: “Ci sono alcune Superstar nel wrestling che non mi piacciono. CM Punk è uno. Cesaro è un altro, il grande idiota svizzero della WWE.

Lo conosco come Claudio Castagnoli. E né mi piace e né lo rispetto. Se mai verrà qui in AEW, avremo un grosso problema. Ogni volta che il suo contratto scade, non presto nemmeno attenzione a quello che fa. Ma uomini così, semplicemente non mi piacciono e non li rispetto"

Sulla sconfitta invece contro CM Punk a Full Gear: "La cosa che ho fatto con CM Punk, immagino che si chiama 'promo', non era un promo. Non mi piace e non gli piaccio. Abbiamo avuto un sacco di cose da dirci che non abbiamo mai avuto la possibilità di pronunciare.

L'abbiamo detto ad amici, amici in comune l'uno dell'altro o abbiamo semplicemente deciso di ignorarci a vicenda. Ci sono molte altre cose, non entrerò troppo nel dettaglio ma ci sono un sacco di cose che accadono dietro le quinte che nessuno ha davvero bisogno di sapere.

Ma sì, non era un promo. Era qualcosa che volevamo dirci entrambi da quindici anni. Sono stati quindici anni di cose accumulate per entrambi. Quindi 'come fai a definirlo match?' Non è stato un match, abbiamo litigato davvero.

L'ho colpito e lui ha colpito me, capisci cosa intendo? Quando è finita, non ci siamo stretti la mano dopo il match come fanno le altre persone. Non siamo andati su Twitter per dire quanto siamo stati bravi e fortunati ad affrontarci.

Non piaccio a CM Punk e lui non piace a me. Questo è tutto. Non c'è promo, non c'è niente di inventato, questa è la realtà e basta. Quando dovremo salire sul ring, saremo professionali, ma sai per certo che ci spaccheremo un sacco io e Punk.

Se i fan si divertono, si divertono ma non mi interessa. Avrebbero potuto esserci anche zero persone tra il pubblico, ma io avrei continuato a colpirlo"