Escape The Undertaker: parla il regista del film



by   |  LETTURE 1976

Escape The Undertaker: parla il regista del film

Le superstar della WWE Kofi Kingston, Big E, Xavier Woods (ossia il New Day) e la leggenda del wrestling The Undertaker hanno fatto parte di un film horror interattivo di Netflix intitolato 'Escape The Undertaker’.

La trama del film è questa: “The Undertaker ha teso una trappola per il tag team decorato The New Day nella sua villa. Quello che non sanno: la villa di Undertaker è una casa stregata estrema, piena zeppa di sfide soprannaturali. Sta agli spettatori decidere il destino di queste tre povere anime che cercano di sopravvivere all'ira di The Undertaker". 

Vince Russo aveva anche detto il suo parere sulla pellicola: “Quando ho guardato il film interattivo con protagonisti i membri del New Day e The Undertaker, mi sono fatto subito un’idea molto chiara. Se lo vede un ragazzino di 12 anni, è assolutamente perfetto.”

Parla il regista del film

Intervistato da ComingSoon, Ben Simms, regista e produttore esecutivo del film, ha dato qualche dettaglio in più su cosa significa lavorare con delle superstar WWE, che ovviamente è diverso rispetto che lavorare con degli attori.

“Avevamo poco tempo. Per fortuna i talenti sono tutti performers che lavorano dal vivo il che è un enorme punto a favore," Simms ha detto. "La nostra incredibile troupe è stata in grado di costruire e illuminare ogni scena in modo da poter essenzialmente girare quasi come se fosse uno spettacolo dal vivo, pur mantenendo l'alto valore di produzione e l'aspetto di un film. In qualsiasi produzione, avrete sempre problemi di budget e tempi, ma questo è stato facilmente il più veloce che ho girato.”

In più gli è stato chiesto qualche retroscena nel lavorare con dei wrestler: "Mi è piaciuto molto coreografare e girare la scena del combattimento. Avere personaggi che sono essenzialmente le loro controfigure è stato davvero un lusso. Avevamo un incredibile team di stunt che lavorava in collaborazione con i performers che conoscevano le loro capacità e come spingerli.”