Drew McIntyre e l'imbarazzante battuta ricevuta dal Deadman WWE: The Undertaker



by   |  LETTURE 1492

Drew McIntyre e l'imbarazzante battuta ricevuta dal Deadman WWE: The Undertaker

Una delle ultime grandi faide che The Undertaker ha avuto sui ring della WWE, prima di ritirarsi, è stata contro Drew McIntyre, atleta scozzese della compagnia di Stamford, che qualche anno dopo ha avuto anche la fortuna di diventare WWE Champion, andando a battere nientemeno che Brock Lesnar, il distruttore della famosa Streak del Deadman a Wrestlemania, strappandogli la cintura proprio al Grandaddy of Them All.

Tra Drew McIntyre e The Undertaker, c'è sempre stato un grandissimo rapporto di rispetto nei backstage della WWE, con i due che si conoscono ormai da anni, sin da quando McIntyre fece il suo primo debutto nella compagnia dei McMahon, con un fisico decisamente più asciutto e magrolino e con un look completamente diverso da questo attuale.
Nella sua ultima intervista, l'ex WWE Champion, ha voluto raccontare anche un simpaticissimo aneddoto che lo lega ancora al Deadman e che ha fatto sganasciare dalle risate tutti i fan e gli addetti ai lavori all'ascolto.

Drew McIntyre e la barba che non cresceva

Durante il suo ultimo intervento in una sessione di interviste con i media online, lo scozzese della WWE ha voluto rivelare la seguente battuta molto arguta concessagli dal Deadman della WWE, il quale gli disse una volta:

"Gli ho fatto un paio di domande e ho avuto un po' a che fare con lui, sperando di non averlo infastidito in passato.

Mi ricordo ancora quando cercavo di farmi crescere la barba, quando ero molto più giovane. Non andava molto bene la cosa e intanto eravamo tutti quanti on the road insieme, a tempo pieno. Ricordo di essere andato da lui ed avergli detto 'Signore' e lui di tutta risposta mi disse 'Ho più peli io sul mio cu*o che tu in faccia, ragazzo' " .

In un altro frangente dell'intervista, McIntyre ha anche rivelato quando gli fu assegnata una stanza in affitto, che in realtà sarebbe dovuta essere destinata al Deadman, con i loro cognomi reali che erano molto simili e che avevano portato l'affittacamere a sbagliarsi tra Calaway e Galloway, con McIntyre che anche in quella situazione rimase in imbarazzo, non cambiando però l'ernome e gigantesca stanza con il suo legittimo proprietario.