Undertaker torna a parlare del ritiro WWE: "Non vorrei smettere di lottare, ma..."



by   |  LETTURE 813

Undertaker torna a parlare del ritiro WWE: "Non vorrei smettere di lottare, ma..."

L'ultimo grande ritiro arrivato sui ring della famiglia McMahon, è stato quello del leggendario The Undertaker, mostro sacro dei ring di tutto il mondo, che per ben 30 anni ha calcato il quadrato della compagnia più famosa dell'intero globo: la WWE.

Proprio nel trentesimo anniversario del suo debutto a Survivor Series 1990, The Undertaker ha vouto appendere definitivamente gli stivali al chiodo, salutando tutti i colleghi e le leggende accorse al ThunderDome dove si stava svolgendo l'ultimo Big Four dello scorso anno, col WWE Universe connesso da casa.

Dopo 30 anni precisi, Undertaker si è ritirato così, alla fine dello scorso 2020, con i fan che visibilmente emozionati lo hanno ringraziato su tutti i social, dopo le grandissime emozioni regalate lungo ben 3 decenni di una carriera spaziale.

A quanto pare, però, questo ritiro sembra essere stato molto più sofferto di quello che è sembrato, perché nonostante l'età e gli acciacchi, The Undertaker avrebbe voluto continuare a lottare se solo non ci si fosse messo in mezzo il fisico, ad impedire tutto.

Undertaker e l'unico motivo che non lo riporta sul ring WWE

Nella sua ultima intervista, il leggendario Deadman dei McMahon, ha rivelato come lui tornerebbe oggi stesso sul ring, ma un piccolo quanto insormontabile problema lo frena: il suo fisico.

Ai microfoni di Entertainment Tonight, mentre Undertaker pubblicizzava il suo film interattivo appena uscito su Netflix, il leggendario atleta ha voluto affermare:

"In questo momento, sì, i miei giorni sul ring sono finiti e non perché io non voglia salire sul ring.

Lì è dove ho speso la maggior parte del mio tempo da adulto, la mia intera vita è stata spesa per il wrestling o lo sport d'intrattenimento e sui ring. Nella mia mente, posso vedere tutto ancora e anche nel mio cuore, vorrei essere lì ma arrivi ad un punto in cui il mio corpo non riesce più a fare quello che la mente e il cuore vedono.

Il mio corpo non ci riesce più ed io non voglio che venga rovinata l'eredità del mio personaggio. Odierei a morte che la gente venisse a pagare per vedermi lavorare e poi rimanere amareggiata e delusa da quanto vede" .