Bronson Reed: "La telefonata di John Laurinaitis mi ha scioccato"



by   |  LETTURE 1391

Bronson Reed: "La telefonata di John Laurinaitis mi ha scioccato"

I devastanti effetti della pandemia globale si sono abbattuti anche sulla WWE, tanto che la dirigenza è stata obbligata a rilasciare un gran numero di talenti nell’ultimo anno e mezzo. Nemmeno l’invenzione del ThunderDome ha impedito alla crisi di prosciugare le casse della federazione di Stamford, che è tornata ad ospitare i suoi fan dal vivo solo qualche mese fa.

Hanno dovuto fare i bagagli atleti del calibro di Braun Strowman, Aleister Black, Mickie James, Andrade e persino Bray Wyatt. Come se ciò non bastasse, il leggendario Ric Flair ha chiesto il rilascio per una serie di divergenze creative con la compagnia di Vince McMahon.

La All Elite Wrestling è invece riuscita nell’impresa di ingaggiare due fenomeni assoluti come CM Punk e Daniel Bryan. Fra i wrestler che hanno lasciato la WWE nel recente periodo figura anche Bronson Reed. Dopo oltre un decennio trascorso nel circuito indipendente e in Giappone, Reed ha firmato un contratto con la WWE nel 2019.

Ha debuttato a NXT pochi mesi dopo durante l’NXT Breakout Tournament, raggiungendo la semifinale prima di cedere a Cameron Grimes. Bronson ha dunque messo gli occhi sull’NXT North American Championship ed è riuscito a vincerlo all’inizio di quest’anno nel corso di NXT TakeOver: In Your House.

Il suo regno da campione non è durato a lungo, avendo perso il titolo per mano di Isaiah ‘Swerve’ Scott nel giugno 2021. Il suo ultimo match risale al 27 luglio scorso, quando è stato sconfitto da Adam Cole.

La WWE ne ha annunciato il rilascio il 6 agosto 2021.

Bronson Reed parla del suo rilascio

In una recente intervista ai microfoni di Sportskeeda, Reed ha ammesso di essere rimasto sorpreso quando gli è stata comunicata la triste notizia sul suo futuro.

“Quando ho ricevuto la telefonata in cui mi veniva annunciato il mio rilascio, pensavo che mi avessero contattato per dirmi che sarei passato a Raw oppure a SmackDown. Era un venerdì sera, mi trovavo nella mia abitazione, quando ho ricevuto una telefonata dal Connecticut.

Era John Laurinaitis, che mi ha rivelato la loro intenzione di licenziarmi. Ero letteralmente sotto shock” – ha raccontato.