Sean Waltman fornisce qualche dettaglio sulle condizioni di Triple H



by   |  LETTURE 3430

Sean Waltman fornisce qualche dettaglio sulle condizioni di Triple H

Una delle notizie più importanti degli ultimi dieci giorni è stato senza dubbio l’intervento al cuore a cui si è sottoposto Triple H. Nel comunicato diffuso dalla WWE, si è parlato genericamente di ‘procedura a seguito di un evento cardiaco’, tanto che alcuni colleghi e addetti ai lavori si sono lamentati per l’eccessivo mistero dietro alle condizioni di The Game.

Il 14 volte campione del mondo si è allontanato progressivamente dal ring negli ultimi anni, sia a causa dell'età che per i crescenti impegni dietro la scrivania. HHH si è distinto anche da dirigente, avendo contribuito in prima persona alla nascita e allo sviluppo di NXT.

Il marchio ‘Black and Gold’, da semplice territorio di sviluppo, si è trasformato in breve tempo in una validissima alternativa agli show di Raw e SmackDown. Nel corso dell’ultimo episodio di ‘Pro Wrestling 4 Life’, il due volte WWE Hall of Famer Sean Waltman ha parlato a lungo dell’impatto che Hunter ha avuto sul business del wrestling professionistico.

Sean Waltman parla di Triple H

“La salute dell’intera industria del wrestling non sarebbe quella che è ora se non ci fosse stato Triple H. Ha aiutato la WWE a crescere ulteriormente, oltre ad aver aumentato la consapevolezza di molte altre aziende al di fuori della compagnia di Stamford.

Basti osservare il caso della ICW. Indipendentemente da ciò che la gente possa pensare al riguardo, l’ascesa di altre federazioni rappresenta un bene per tutti quanti” – ha illustrato Waltman. Sean ha discusso anche del recente intervento subito da HHH: “Non ho parlato con lui al telefono, lo dico con la massima sincerità.

Ho appreso la notizia proprio come tutti gli altri e gli ho inviato un messaggio. Lui mi ha dato una risposta breve ma affettuosa, che mi ha fatto sentire meglio. Non gli ho minimamente chiesto cosa fosse successo, non avevo bisogno di saperlo.

Volevo soltanto essere sicuro che stesse bene. Credo che The Game stia seriamente prendendo in considerazione l’idea di passare più tempo con la sua famiglia. Ha tre bellissime figlie e una casa stupenda nel New Hampshire, che io non lascerei mai se fossi in lui” – ha scherzato.