Jim Ross: "Brock Lesnar non guardava il wrestling neppure in televisione"



by   |  LETTURE 3120

Jim Ross: "Brock Lesnar non guardava il wrestling neppure in televisione"

Benché sia stato spesso al centro delle polemiche nei suoi 19 anni di carriera, non si può negare che Brock Lesnar sia diventato uno dei principali wrestler WWE di ogni epoca. La Bestia ha preso parte al main event di WrestleMania ben quattro volte e ha vinto otto WWE World Championships.

L’ex campione Universale ha fatto il suo ennesimo ritorno in WWE a SummerSlam il 21 agosto scorso, comparendo al termine del main event fra John Cena e Roman Reigns per lanciare la sfida a quest’ultimo. La resa dei conti con il ‘Tribal Chief’ dovrebbe avere luogo a Crown Jewel in Arabia Saudita oppure alle Survivor Series.

Nel corso dell’ultima edizione del suo podcast ‘Grilling JR’, il leggendario Jim Ross ha raccontato di come Brock Lesnar non fosse assolutamente un appassionato di wrestling quando è stato in ingaggiato dalla WWE nel lontano 2000.

‘The Beast Incarnate’ ha trascorso i suoi primi due anni di carriera nella Ohio Valley Wrestling a Louisville, in Kentucky. Il suo debutto nel main roster è avvenuto nel marzo 2002, durante l’episodio di Raw successivo a WrestleMania 18.

Jim Ross ricorda gli inizi di Brock Lesnar

“Quando la WWE lo ha assunto, Brock Lesnar non aveva alcun tipo di esperienza nel wrestling professionistico” – ha confidato JR, che ha svolto diversi ruoli durante i suoi 22 anni in WWE.

“Non era un fan del wrestling, non lo guardava neppure in televisione. Non sapeva quale fosse la programmazione di una superstar e come si svolgesse il lavoro di un atleta WWE. Lui avrebbe voluto essere chiamato molto prima di quanto non abbiamo fatto, quindi ho raggiunto un compromesso con lui.

Gli abbiamo fatto incontrare i ragazzi del roster principale, in modo che imparasse ad interagire con gli altri e capisse cosa c’era ad aspettarlo. Poi lo rimandavamo nel sistema di sviluppo a Louisville in mezzo alla settimana” – ha ricordato.

Jim Ross ha intuito subito l’enorme potenziale della Bestia: “Sebbene non avesse esperienza quando è stato ingaggiato, non c’erano dubbi che sarebbe diventato un fuoriclasse. Non lo spaventava il duro lavoro e faceva tutto il possibile per accelerare il suo processo di apprendimento”.