Finn Bálor: “Mi piace l’idea della Forbidden Door”



by   |  LETTURE 2089

Finn Bálor: “Mi piace l’idea della Forbidden Door”

Finn Bálor è uno dei protagonisti di queste ultime settimane in WWE, dopo che l’atleta è salito da NXT, dov’era tornato e diventato poi nuovamente campione, per approdare nel main roster a SmackDown.

The Prince ha una lunga storia alle spalle con i suoi amici del Bullet Club, con il quale ha vissuto tantissime belle esperienze. Molti di loro fanno parte delle compagnie che in questo momento stanno collaborando tra di loro e l’idea di poter vivere la loro stessa esperienza lo stuzzica molto.

La tematica della Forbidden Door è molto sentita in questo momento perché ad esempio Kenny Omega, eletto migliore wrestler del 2021 nella PWI 500, ha vinto le cinture massime in tre differenti compagnie, molte star della NJPW sono apperse in AEW e Deonna Purrazzo è diventata campionessa anche in AAA.

Bálor vuole superare quella porta

Parlando con Cultaholic, l’irlandese non ha nascosto la speranza di poter lottare altrove anche se in questo momento ama stare in WWE, una delle poche compagnie che per ora non ha il desiderio di collaborare come le altre.

“Mi piace l’idea della Forbidden Door. Penso che se avessi l'opportunità di lottare in Giappone o in Messico o in Europa, per qualsiasi promozione, mi piacerebbe avere l'opportunità di farlo. Ovviamente, contrattualmente con la WWE, si prendono cura di tutte le mie date e prenotazioni e di viaggiare e organizzare tutto. 

Se in qualche modo potessimo instaurare un rapporto con la WWE e questi altri brand in giro per il mondo, mi piacerebbe mettermi alla prova con diversi performer provenienti da diverse regioni.”

Finn aveva anche detto qualche giorno fa che non gli sarebbe dispiaciuto godersi qualche opportunità contro WALTER a NXT UK, purtroppo la pandemia ha rovinato tutti gli eventuali piani che la WWE aveva pensato di mettere in atto:  “L'apparizione a sorpresa a NXT UK circa due anni fa era qualcosa di cui ero davvero entusiasta. Non sarebbe stata una tantum. Stava per diventare una cosa regolare. Stavamo costruendo un match con WALTER, ci è stato portato via dalla pandemia.”