Stephanie McMahon: "Sono rimasta pietrificata quando l'ho visto per la prima volta"



by   |  LETTURE 20266

Stephanie McMahon: "Sono rimasta pietrificata quando l'ho visto per la prima volta"

Stephanie McMahon ha svolto un ruolo importante in WWE dietro le quinte, concedendosi saltuariamente anche qualche apparizione sul ring insieme al padre Vince e al marito Triple H. Quando non interpreta lo spietato membro della famiglia McMahon davanti alle telecamere, Stephanie è Chief Brand Officer della WWE, oltre a gestire in prima persona i rapporti tra la compagnia di Stamford e varie organizzazioni benefiche.

Inoltre, è sempre stata una grandissima sostenitrice del progetto ‘Be a STAR’ supportato dalla WWE. Nel corso di una recente intervista ad Abe Madkour per ‘SBJ’, Stephanie ha parlato della sua crescita e del suo sviluppo nel business del wrestling.

La moglie di The Game ha svelato i suoi primi ricordi relativi all’azienda, focalizzandosi anche sulla prima volta in cui si è recata ad un pay-per-view allo Spectrum di Philadelphia quando aveva soli cinque anni.

Stephanie ricorda i suoi primi passi in WWE

“Passare davanti a tutte quelle superstar, che erano perlopiù uomini considerato il periodo storico, che stavano lì con i loro costumi e le loro attrezzature, era un qualcosa di pazzesco per una bambina” – ha raccontato Stephanie.

“Ad un certo punto, mi vedo arrivare tutti questi ragazzi correndo e urlando come se fossero una scolaresca in gita, mi sono un pochino spaventata. Ho continuato a camminare ancora un po’ e mi sono imbattuta in George ‘The Animal’ Steele, che era coperto da così tanti capelli da sembrare che avesse una pelliccia sulla testa.

Era soltanto un uomo con tantissimi peli naturalmente. Sono rimasta letteralmente pietrificata alla sua vista e sono corsa da mio padre. Ho avvolto le mie braccia intorno al suo collo per quanto fossi scioccata, mentre lui non riusciva a smettere di ridere” – ha aggiunto.

La figlia di Vince McMahon ha ammesso che Ronda Rousey l’ha davvero stupita: “Mi ha sempre ispirato ‘The baddest woman on the planet’. È stata la prima donna americana a vincere una medaglia nel judo alle Olimpiadi, ha cambiato il volto delle MMA, supporta i progetti legati all’uguaglianza e alla salute mentale, è sempre se stessa senza fronzoli”.