Charlotte Flair risponde a chi la accusa di essere raccomandata



by   |  LETTURE 2047

Charlotte Flair risponde a chi la accusa di essere raccomandata

Con 13 titoli di campionessa del mondo, Charlotte Flair è di gran lunga la superstar femminile più decorata nella storia della WWE. Le mancano infatti tre soli regni per eguagliare il record all-time attualmente detenuto in coabitazione da suo padre Ric e John Cena.

In una recente intervista per un’emittente televisiva sudcoreana, IB SPORTS, è stato chiesto a Charlotte quanto le sue illustri origini abbiano influito sulla sua cavalcata nella federazione di Stamford. La stella di Raw non si è sottratta all’argomento, evidenziando per l’ennesima volta come Ric Flair non sia la ragione principale del suo successo in questo business.

Charlotte ha ricevuto tantissime critiche durante la sua carriera, soprattutto per via del gran numero di match per il titolo cui ha preso parte.

Charlotte Flair risponde alle critiche

“Ric Flair non mi ha passato il testimone, sono io che me lo sono preso” – ha sentenziato Charlotte.

“Penso che tutti coloro che mi hanno sottovalutato mi abbiano reso migliore. È come se avessi costruito un impero grazie alle pietre lanciate dai miei detrattori. Riesco a trasformare il disprezzo della gente fino a renderlo un qualcosa di positivo, non so se mi spiego” – ha analizzato.

La 35enne sfiderà Rhea Ripley per il Raw Women’s Championship a Money in the Bank domenica. Le due si erano già scontrate a WrestleMania Backlash e a Hell in a Cell, con Ripley che se l’era sempre cavata in qualche modo.

“Non importa quello che faccio, la gente troverà sempre qualcosa di negativo. È come se avessi costantemente un chip sulla mia spalla. Posso soltanto usare le critiche come se fossero un carburante, in modo da raccontare storie e migliorare sempre di più il mio personaggio” – ha chiosato.

Dopo quasi un anno e mezzo di assenza, i fan della WWE sono tornati finalmente dal vivo in occasione dell’ultimo episodio di SmackDown. Ci si attende un grande spettacolo nel pay-per-view in onda fra poche ore, di scena sempre in Texas. L’auspicio è che sia soltanto l’inizio di un graduale ritorno alla normalità.