Ex star WWE: "Voglio lo stipendio di Brock Lesnar e il suo numero di date"



by   |  LETTURE 4086

Ex star WWE: "Voglio lo stipendio di Brock Lesnar e il suo numero di date"

Zach Gowen si è reso protagonista di un breve ma intenso stint in WWE a cavallo fra il 2003 e il 2004, essendo stato coinvolto in alcune storyline memorabili con leggende del calibro di Hulk Hogan, Roddy Piper e Vince McMahon.

I fan ricorderanno sicuramente anche la sua faida con Brock Lesnar, che rappresenta ancora oggi uno dei volti simbolo della compagnia di Stamford. Gowen, a cui è stata amputata una gamba da bambino, ha lasciato una bellissima impressione nella mente dei tifosi benché la sua avventura nel wrestling professionistico non sia durata a lungo.

In una recente intervista a Sportskeeda, a Zach è stato chiesto se gli interesserebbe tornare ad esibirsi in WWE un giorno. La sua risposta ha fatto sorridere tutti quanti, a dimostrazione di uno spiccato senso dell’umorismo.

Zach Gowen ha esordito in WWE nel 2003

“Sì mi interesserebbe, ma soltanto se la WWE mi offrisse lo stesso identito contratto che ha Brock Lesnar. Voglio i suoi soldi e il suo stesso numero di date” – ha scherzato.

“A parte le battute, non ho nessuna voglia di viaggiare a tempo pieno a 38 anni, lo dico con grande sincerità. Ho sforzato tantissimo la mia gamba negli ultimi 30 anni e mi sono tolto grandi soddisfazioni, ma adesso sono padre di tre figli, oltre ad essere impegnato in numerose attività che mi appagano ogni giorno” – ha spiegato.

Gowen è comunque disposto ad ascoltare eventuali offerte: “Se dovesse arrivare una proposta interessante, che soddisfa sia le mie esigenze che quelle della mia famiglia, è chiaro che ci farei un pensierino.

È un mio obiettivo tornare in WWE? No. È un mio obiettivo andare in All Elite Wrestling? Nemmeno”. Zach ha fatto il suo debutto in WWE nel 2003, quando cercò di salvare Mr. America (Hulk Hogan) dall’assalto di Roddy Piper e Sean O’Haire.

“Quella foto di Piper che tiene in mano la mia protesi è diventata un’immagine iconica. La WWE si prese un bel rischio in quell’occasione, perché nessuno aveva mai visto nulla di simile. Per fortuna non è venuta fuori una cosa squallida e oscena”.