AJ Styles risponde ai fan WWE dopo le ultime critiche sul suo ruolo



by   |  LETTURE 474

AJ Styles risponde ai fan WWE dopo le ultime critiche sul suo ruolo

L'ex due volte WWE Champion AJ Styles è sicuramente una delle principali attrazioni del roster principale ed attualmente del marchio di Monday Night Raw. The Phenomenal One è sempre molto attento a ciò che dicono i fan del WWE Universe, è attivo nel mondo social e risponde spesso a tutti coloro che lo citano.

In questo momento AJ Styles è coinvolto insieme alla sua 'guardia del corpo' Omos nella categoria Tag Team ed i due sono i Tag Team Champion di RAW. I due hanno conquistato questo titolo a Wrestlemania 37 battendo una storica coppia come il New Day, nel giorno del debutto sul ring WWE del gigante Omos.

Gli account social WWE hanno pubblicato su Fox una foto Twitter chiedendo ai fan quale è stato il miglior match nella storia tra AJ Styles e John Cena, richiamando le differenze principali tra i due storici wrestler.

Il paragone riguardo l'attuale AJ Styles

Il post WWE ha ottenuto molto successo tra il WWE Universe con i fan che si lamentavano riguardo l'attuale ruolo del wrestler, messo secondo loro troppo in secondo piano rispetto al suo reale valore.

Rispondendo alle critiche dei fan AJ Styles ha provato a comprendere tutto ciò ma allo stesso tempo ha spiegato che, visto la sua età, per la WWE è l'ora di lanciare nuove star in primo piano ed è questo il motivo di fondo per cui si trova in questa attuale corsa.

Va ricordato infatti che in passato AJ Styles affermò di voler lasciare la compagnia verso i 40 anni, la situazione è cambiata e lui ha attualmente 44 anni, ma appare chiaro che questi potrebbero gli ultimi anni della sua straordinaria carriera.

Nel corso del podcast Out of Character con Ryan Satin AJ Styles ha raccontato che lui ha lasciato il Giappone per gli Stati Uniti non per tornare in WWE, ma per tornare nel suo paese, la compagnia di Vince McMahon non era decisiva per il suo ritorno, avrebbe accettato anche TNA o qualche altra compagnia ma per lui l'obiettivo principale era tornare negli Stati Uniti.