John Cena: "Ho dormito nella mia automobile per un bel po' di tempo"



by   |  LETTURE 926

John Cena: "Ho dormito nella mia automobile per un bel po' di tempo"

John Cena ha fatto il suo debutto nel main roster WWE nella primavera del 2002 e gli ci sono voluti tre anni per diventare il simbolo indiscusso della compagnia. Pur non avendo sempre riscosso il gradimento dei fan, il 16 volte campione del mondo ha contribuito come pochissimi altri alla diffusione del wrestling al di fuori dei confini statunitensi.

Il bostoniano ha perfezionato la sua arte nella Ohio Valley Wrestling per circa due anni prima di debuttare nella federazione di Vince McMahon in un single match contro Kurt Angle. A dispetto della sconfitta, il suo esordio è stato unanimemente riconosciuto come uno dei più elettrizzanti nella storia della WWE.

Cena ha vinto il suo primo titolo battendo JBL a WrestleMania 21, in quello che è stato solo l’inizio di una lunghissima epopea. Con l’avanzare dell’età, John ha ridotto sensibilmente le sue apparizioni sul ring, anche per via del suo crescente successo a Hollywood.

In un’intervista apparsa sul ‘Sun’ nei giorni scorsi, la star di ‘F9’ ha ammesso di aver passato momenti difficili all’inizio della sua carriera.

Cena: "Non ho mai smesso di crederci"

“Ho dormito nella mia automobile per un bel po’ di tempo.

Era una Lincoln Town Car molto spaziosa del 1991, avevo i miei vestiti nel bagagliaio e dormivo sul sedile posteriore. Mio padre mi aveva detto che sarei tornato con la coda fra le gambe nel giro di due settimane. Ne era abbastanza sicuro, ma io ero fiducioso nelle mie qualità e non ho mai smesso di crederci.

Non avevo alcuna intenzione di ritornare a casa in lacrime” – ha raccontato Cena, il cui ultimo match risale ormai a WrestleMania 36. John si è soffermato anche sul suo percorso cinematografico: “Quando ho esordito al cinema nei primi anni 2000, lo facevo per le ragioni sbagliate.

L’obiettivo era rendere la WWE più popolare, ma non c’era un reale desiderio di recitare. Ogni singolo minuto che ero sul set, non facevo che pensare al mio prossimo incontro di wrestling. Adesso è tutto diverso”.