Kofi Kingston: "La sconfitta contro Brock Lesnar? Vi dico cosa ho pensato"



by   |  LETTURE 983

Kofi Kingston: "La sconfitta contro Brock Lesnar? Vi dico cosa ho pensato"

Quando Kofi Kingston è diventato il nuovo campione WWE, tutti pensavano che fosse il giusto coronamento per le qualità da lui messe in evidenza negli anni precedenti. La notte in cui SmackDown è stato trasmesso per la prima volta dalla FOX, Kofi è stato chiamato a difendere il suo titolo dall’assalto di Brock Lesnar.

Sebbene la Bestia partisse con i favori del pronostico, nessuno avrebbe immaginato un andamento simile. Il match si è infatti concluso in appena dieci secondi, una batosta che ha finito per distruggere le ambizioni di Kingston.

Intervistato da Steven Muehlhausen per DAZN questa settimana, il famigerato leader del New Day ha ripercorso le tappe più importanti della sua carriera. Non poteva ovviamente mancare una domanda sul tanto discusso esito di quella contesa.

Kingston: "Non nego di esserci rimasto molto male"

“Ho detto tante volte che – se fosse dipeso da me – avrei sviluppato il match in maniera totalmente diversa” – ha ammesso Kofi, che si è comunque tolto altre soddisfazioni in seguito.

“Il fatto è che non dipendeva da me. Ho sempre pensato che è assolutamente inutile rammaricarsi per qualcosa che non è sotto il nostro controllo. Questo è tutto ciò che posso dire al riguardo.

Non mi arrabbio mai per quelle situazioni che non posso controllare. Una volta saputo quali erano le intenzioni della dirigenza, ho svolto il mio lavoro con la massima professionalità” – ha spiegato. Kingston ha apprezzato molto il sostegno del WWE Universe: “Avrei voluto che le cose fossero andate diversamente, ma sono stato felice di vedere tante persone arrabbiate per quello era successo.

Cerco sempre di lavorare con uno sguardo al futuro. L’unica cosa che potevo fare era rimettermi in gioco con un atteggiamento positivo, anche se mentirei se negassi che ero rimasto deluso. Non avevo intenzione di mettere il broncio e diventare sgarbato, non è il mio stile, non sono mai stato così.

Sapevo che dovevo pensare soltanto ad andare avanti ed è esattamente ciò che ho fatto. Il business del wrestling è pieno di momenti del genere” – ha chiosato.