Booker T: "La WWE ha smesso di investire sulle musiche di ingresso delle star"



by   |  LETTURE 759

Booker T: "La WWE ha smesso di investire sulle musiche di ingresso delle star"

Booker T ha fornito numerosi pareri interessanti da quando ha appeso gli stivali al chiodo e si è dedicato al ruolo di analista per la WWE. Nel corso dell’ultima edizione del suo podcast, il due volte Hall of Famer ha analizzato un aspetto che al giorno d’oggi passa spesso in secondo piano, vale a dire la musica di ingresso delle superstar.

L’ex campione degli Stati Uniti sostiene che la compagnia di Stamford si impegni poco nel soddisfare le esigenze dei fan e al contempo degli atleti. Booker ha elogiato la musica di Shinsuke Nakamura, definendola come una delle poche in grado di catturare l’immaginazione di tutto il WWE Universe.

Booker T: "La musica di ingresso deve trasmettere emozione ai fan"

“Credo che la WWE non dia abbastanza importanza alle musiche di ingresso in questo momento storico. Penso che sia un aspetto molto più rilevante di quanto la gente non immagini.

Ovviamente questa è la mia idea e il mio punto di vista. La musica di ingresso è molto importante e non deve essere casuale, bensì deve trasmettere ai fan certe emozioni” – ha spiegato Booker T.

“La prima volta che ho sentito la musica di Stone Cold Steve Austin, ho percepito un brivido dentro di me. Vederlo entrare in scena era una delle attrazioni maggiori per il pubblico, superiore anche all’andamento del match spesso e volentieri” – ha aggiunto.

Jim Johnston è stato a lungo il compositore ufficiale della WWE, avendo creato musiche di successo dagli anni ’80 fino al suo rilascio nel 2017. “Ho avvertito una grande responsabilità, era come se una parte delle carriere e del successo di quei ragazzi fossero nelle mie mani.

Mi dispiace essere brutale, ma devo dire che le musiche che ci sono ora in WWE e AEW sono mediocri e spesso non hanno nulla a che fare con i personaggi. Ritengo che sia anche per questo che ci sono meno icone al giorno d’oggi” – ha sentenziato Johnston. Neppure la neonata All Elite Wrestling sembra intenzionata ad un cambio di passo in tal senso.