Rey Mysterio: "Ecco cosa significa poter lavorare insieme a mio figlio"



by   |  LETTURE 1555

Rey Mysterio: "Ecco cosa significa poter lavorare insieme a mio figlio"

Domenica scorsa a WrestleMania Backlash, Rey e Dominik Mysterio hanno conquistato i titoli di coppia battendo Robert Roode e Dolph Ziggler in uno dei momenti clou del pay-per-view. All’inizio di questa settimana, il wrestler mascherato è stato ospite su ‘ESPN SportsNation’ per descrivere le emozioni vissute a Backlash soltanto alcuni giorni fa.

In particolare, è stato domandato all’ex campione dei pesi massimi di fare un parallelismo con gli innumerevoli riconoscimenti ottenuti in passato. Da quando ha fatto il suo ritorno in WWE, Rey sta vivendo come una sorta di seconda giovinezza, avendo del tutto smentito qualsiasi voce relativa ad un suo imminente ritiro dal wrestling.

Mysterio: "Dominik era un wrestler sin da bambino"

“Non voglio togliere nulla a tutti i miei successi del passato, ma questo è su un livello diverso” – ha esordito Mysterio lasciando trasparire il suo orgoglio.

“Ho potuto condividere la scena con mio figlio Dom e insieme siamo diventati campioni di coppia. Stiamo parlando di un’emozione che non può essere descritta a parole. Lui è sempre stato coinvolto nel mondo del wrestling, fin da quando era un bambino.

Ricorderete sicuramente la storia con Eddie Guerrero, all’epoca aveva soltanto otto anni. Era già radicata dentro di lui l’idea che un giorno sarebbe stato parte di questa grande industria. Ha ottime capacità sul ring e sa ascoltare i consigli di chi ha più esperienza.

Con il tempo migliorerà sempre di più” – ha aggiunto. Nella conversazione è intervenuto anche Dominik: “Posso dire soltanto di essere onorato di aver potuto lottare con mio padre. La definirei quasi come una benedizione”.

Mentre parlava su ‘The Bump’, lo show organizzato dalla WWE, l’ex Universal Champion Seth Rollins ha commentato l’ascesa di Dominik. “Chi lo ha portato all’interno di questo business? Chi gli ha regalato il suo primo match ufficiale su un palcoscenico enorme come SummerSlam? Ho reso quel ragazzo l’atleta che è oggi.

Grazie a tutto quello che ho dato loro, ora sono diventati campioni tag team. Dominik è un esempio perfetto di quanto sia importante crederci fino in fondo”.