Bischoff: "Vi svelo il pensiero di Vince McMahon su All Elite Wrestling"



by   |  LETTURE 1677

Bischoff: "Vi svelo il pensiero di Vince McMahon su All Elite Wrestling"

Eric Bischoff è una delle poche figure nel wrestling professionistico ad aver avuto a che fare sia con la WWE che con la neonata All Elite Wrestling, nata un paio di anni fa grazie alla spinta di Cody Rhodes e il finanziamento di Tony Khan.

Poco dopo essere stato inserito nella WWE Hall of Fame, Bischoff ha fatto da moderatore in un alterco tra Chris Jericho e Orange Cassidy. Nel corso dell’ultima edizione del suo show ’83 Weeks’, è stato chiesto ad Eric quale sia l’approccio di Vince McMahon nei confronti di una federazione in grande ascesa come AEW.

La WWE ha dovuto fare i conti con un brusco calo degli ascolti durante il periodo della pandemia, che non sembra tuttavia aver scoraggiato gli acquirenti.

Bischoff: "Non credo che a Vince importi granché"

“A dire la verità, non credo che a Vince McMahon importanti granché.

So che ai fan di wrestling piace pensare che esista uno sorta di guerra tra AEW e WWE, ma le cose non stanno esattamente così. Il fatto che io stesso avessi fatto un’apparizione ad AEW Dynamite un mese prima che venissi inserito nella Hall of Fame, mi induce a pensare che non gli diano una grossa importanza.

Ne sono consapevoli? Certo. Vince desidera che i suoi dipendenti facciano il massimo per rendere il prodotto WWE più elettrizzante possibile” – ha spiegato Bischoff. All’inizio di quest’anno, anche l’ex campione della WWE CM Punk si era espresso al riguardo.

La superstar di Chicago è ancora ferma ai box dopo il disastroso tentativo in UFC, con i fan vogliosi di ammirarlo nuovamente sul ring nel futuro prossimo. “Credo che Vince McMahon non abbia affatto paura di AEW.

Mi viene da dire che - più si continua a parlare di questo argomento – meglio è per il business in generale. Se non fosse così, Vince non avrebbe mai permesso a Chris Jericho di partecipare allo show ‘Broken Skull Sessions’ condotto da Stone Cold Steve Austin” – aveva sottolineato Punk.