The Miz: "Temevo che la mia carriera fosse a rischio dopo il ko contro John Cena"



by   |  LETTURE 1142

The Miz: "Temevo che la mia carriera fosse a rischio dopo il ko contro John Cena"

The Miz è ormai riconosciuto come uno degli atleti di punta della WWE, grazie alle sue abilità sul ring unite ad un talento fuori dal comune quando si tratta di parlare al microfono. Un recente documentario realizzato dalla compagnia di Stamford ha raccontato nel dettaglio il percorso che ha condotto Miz fino ai vertici di questo business.

Il due volte campione WWE ha ricordato soprattutto il suo primo incontro di alto profilo, vale a dire quello contro John Cena nel pay-per-view ‘The Bash’ dodici anni fa. Nel giugno 2009, il leader della ‘Cenation’ spazzò letteralmente via il suo rivale in uno dei match più a senso unico che si annoverino nell’era moderna.

Nel lasso di tempo di due anni, Miz si sarebbe fatto strada fino al main event di WrestleMania (27), dove si prese la rivincita su Cena conservando il suo WWE Championship.

The Miz: "John Cena mi ha spazzato via"

“Per circa otto settimane, ricordo che sfidavo John Cena quasi ogni singola sera e auspicavo di riuscire a batterlo prima o poi.

Con il passare del tempo, mi accorgevo che era sempre lui ad uscire vincitore. Questa storia è andata avanti per un paio di mesi, finché non ci siamo incontrati nel PPV The Bash se non ricordo male. John mi ha letteralmente distrutto in quella circostanza, non sono salito nemmeno sul ring per certi versi.

Ho camminato verso il backstage e ho pensato che non avrei mai dimenticato una sconfitta simile. Credevo di essere ormai condannato ad una carriera mediocre dopo lo spettacolo a cui avevano assistito i fan” – ha spiegato Miz nel podcast ‘Out of Character’ ai microfoni di Ryan Satin.

La leggenda del wrestling Arn Anderson, che ha lavorato con la WWE dal 2001 al 2019, criticò duramente quel match. “Mi sono giunte alle orecchie le sue frasi e devo dire di esserci rimasto molto male. Si trattava soltanto di un passaggio della mia carriera, non significava che non avrei più potuto attirare il pubblico dalla mia parte. Ci vorrebbe un po’ più di equilibrio nei giudizi”.