The Great Khali: "Vince McMahon mi disse di uccidere Undertaker"



by   |  LETTURE 6768

The Great Khali: "Vince McMahon mi disse di uccidere Undertaker"

The Undertaker è ampiamente considerato uno dei personaggi più riusciti e iconici che abbiano mai messo piede sul ring della WWE. Dopo alcuni espedienti dall’esito fallimentare, Mark Callaway ha debuttato con la sua celebre gimmick alle Survivor Series 1990 facendo impazzire i fan di tutto il pianeta.

Quando sono trascorsi tre lunghi decenni impreziositi da successi e riconoscimenti di ogni genere, il ‘Deadman’ ha scelto di appendere definitivamente gli stivali al chiodo nel 2020. Tanti colleghi hanno voluto tributargli un bellissimo omaggio per salutare una delle leggende che hanno permesso al wrestling di accrescere la sua popolarità anche al di fuori degli Stati Uniti.

Durante la sua eccezionale carriera, il ‘Phenom’ è diventato per sette volte campione del mondo, oltre ad aver vinto la Royal Rumble nel 2007 ed essere stato un simbolo anche per la divisione tag team. Indimenticabile resta ovviamente la sua ‘streak’ a WrestleMania, fatta di 21 trionfi consecutivi, prima che fosse interrotta per mano di Brock Lesnar a Mania 30.

In una recente intervista concessa a ‘Rewind Recap Relive’, The Great Khali – fresco di introduzione nella Hall of Fame quest’anno – ha ricordato la sua aggressione proprio ai danni di Taker nell’episodio di SmackDown successivo a WrestleMania 22.

The Great Khali: "Tutto il mondo sapeva chi fossi"

“Vince McMahon mi ha detto che aveva intenzione di farmi esordire, ma non mi ha rivelato chi sarebbe stato il mio avversario” – ha raccontato il gigante indiano.

“Mi ha spiegato soltanto che mi sarei dovuto presentare a SmackDown pochi giorni dopo WrestleMania. Quello stesso giorno, Michael Hayes mi ha confidato che sarebbe stata una grande giornata per me. Sarei dovuto intervenire nel match tra Mark Henry e The Undertaker per distruggere quest’ultimo.

Ero davvero al settimo cielo, quel momento è stato fantastico per la mia carriera. Tutto il mondo aveva appreso chi fosse The Great Khali. Voglio ringraziare ancora una volta Vince McMahon e la WWE per avermi concesso una simile opportunità. Non ho mai smesso di apprezzare il lavoro che hanno svolto in questi decenni” – ha concluso.