Kevin Owens: "Vi spiego perché il mio regno da campione è finito così male"



by   |  LETTURE 1387

Kevin Owens: "Vi spiego perché il mio regno da campione è finito così male"

Kevin Owens ha conquistato il suo primo titolo mondiale WWE nel 2016 grazie allo storico trionfo ottenuto a SummerSlam, il pay-per-view più importante dell’estate. La superstar canadese ha mantenuto la cintura di campione Universale per circa sei mesi, prima di lasciarla nelle mani di Goldberg.

KO è stato il secondo wrestler in assoluto a detenere quel titolo, dopo che Finn Balor era stato costretto a rinunciarvi per via di un grave infortunio. Durante una lunga intervista concessa a ‘talkSPORT’, il ‘Prizefighter’ ha ammesso di non essersi goduto il suo regno titolato a causa di una serie di fattori.

Owens ha inoltre rivelato che gli piacerebbe essere nuovamente in lizza per l’alloro e non gli dispiacerebbe intraprendere una nuova faida con l’attuale campione Roman Reigns.

Owens: "Non mi divertivo più come prima"

“Non mi interessa più come è andato a finire il mio primo regno da campione Universale” – ha detto Owens con grande chiarezza.

“Tutto è destinato a finire ad un certo punto. Nel mio caso, almeno c’è stata una ragione precisa. Non è vero che io non stessi facendo un buon lavoro, che è una delle voci circolate in quel periodo.

Mi piacerebbe essere di nuovo campione per sistemare le cose dentro me stesso. La mia mentalità è cambiata molto rispetto al periodo in cui ero campione. A quel tempo, non me la sono veramente goduta” – ha aggiunto.

Kevin ha ricevuto tanti consigli autorevoli al riguardo: “Ero talmente concentrato nel cercare di rendere il mio personaggio il migliore possibile, che ho dimenticato di assaporare ogni istante. Mia moglie è stata determinante nel farmelo capire, lo stesso vale anche per i miei genitori.

Leggende come Shawn Michaels, Triple H e persino lo stesso Vince McMahon mi hanno detto che non mi stavo godendo l’essenza del wrestling e che prima o poi sarei scoppiato. In effetti, non mi stavo più divertendo come prima.

Sarebbe un sogno tornare lì, almeno potrei godermela nel modo giusto. Posso soltanto fare del mio meglio per riuscire a garantirmi un’altra chance”.