Jim Cornette attacca duramente The Fiend: "Mette in ridicolo la WWE"



by   |  LETTURE 1192

Jim Cornette attacca duramente The Fiend: "Mette in ridicolo la WWE"

Bray Wyatt The Fiend è sicuramente uno dei personaggi più particolari della WWE ed in questo momento di Monday Night Raw. Con il suo aspetto 'soprannaturale' e con i suoi modi di fare, man mano, tutti i fan del WWE Universe si sono innamorati del wrestler tanto spaventoso quanto popolare.

Va detto però che sia tra gli addetti ai lavori che i fan della compagnia non hanno apprezzato la sconfitta di Bray Wyatt contro il Legend Killer Randy Orton a Wrestlemania 37. I due hanno tenuto una faida di diversi mesi che si è conclusa con la vittoria del 14 volte campione della WWE, ma questa situazione ha messo in evidenza come il ruolo dello spaventoso demone sia ogni giorno più marginale ed anche quell'aurea di paura che si aveva all'inizio con The Fiend sta pian piano scomparendo.

Tante critiche a Bray Wyatt The Fiend

In queste settimane sono arrivate tante critiche al personaggio di Bray Wyatt The Fiend, l'ultima in ordine temporale è quella della leggenda del pro wrestling Jim Cornette che ha duramente attaccato il personaggio di The Fiend ai microfoni del Jim Cornette's Drive Thru:
"Tutto quello che sta caratterizzando The Fiend è il peggio.

Nell'ultimo anno o diciamo due anni alla fine solo il 50 % coinvolge davvero The Fiend mentre in realtà vediamo solo il resto che è spazzatura. Sono stupidi pupazzi che sbucano dal nulla, liquido nero che esce fuori dal nulla.

Uno viene ammazzato e poi resuscita. Beh, questo non è wrestling, The Fiend non lo considererei mai se non per un istituto mentale. Poi penso alle vignette e tutto quello che riguarda la Firefly Fun House, tutto ciò mette in ridicolo la WWE"

A Wrestlemania 37 Bray Wyatt The Fiend ha perso contro Randy Orton anche grazie alla 'distrazione' causata da Alexa Bliss, adepta di The Fiend, che recentemente sembra essersi isolata dal suo ex mentore. A Monday Night Raw i due hanno recentemente parlato di ciò che è successo ma non sono mai venuti allo scontro.