Bret Hart: "Ecco come ho convinto Vince McMahon a non licenziare una superstar"



by   |  LETTURE 913

Bret Hart: "Ecco come ho convinto Vince McMahon a non licenziare una superstar"

Il rapporto fra Bret Hart e la WWE non è sempre stato idilliaco, complici anche i noti avvicendamenti che hanno riguardato la famiglia Hart nel corso degli anni ’90. Il celeberrimo ‘Screwjob di Montreal’ e la tragica morte di Owen hanno rappresentato due autentici spartiacque non soltanto nella relazione tra le parti, ma anche per la storia moderna della federazione di Stamford.

Durante l’ultima edizione di ‘The 81 Podcast’, ‘The Hitman’ ha raccontato di aver convinto Vince McMahon a non licenziare il suo caro amico Ken Shamrock. Con il passare del tempo, il boss della WWE è riuscito a recuperare parzialmente la stima di Bret, che però non si è mai lasciato scappare l’occasione di lanciare qualche frecciata verso la sua ex compagnia.

Bret Hart: "Alla fine Vince McMahon ha cambiato idea"

“Non so esattamente il motivo per cui Ken Shamrock avesse una brutta reputazione dietro le quinte, probabilmente era più una questione dirigenziale” – ha dichiarato Hart.

“Ricordo che Vince McMahon mi ha telefonato per comunicarmi che aveva intenzione di licenziarlo. Mi disse proprio che lo stava per chiamare, la sua decisione era presa ormai. Io gli ho chiesto per quale ragione dovesse essere licenziato e Vince mi ha risposto che c’erano stati alcuni problemi di gestione con lui.

Io gli ho spiegato che avevamo assolutamente bisogno di un atleta come Ken Shamrock. Gli ho sottolineato che aveva tutte le carte in regola per diventare una star. Ci avrebbe permesso di guadagnare un sacco di soldi. Alla fine, Vince ha finito per cambiare idea e lo ha tenuto nel roster.

Ho sempre pensato che fosse una superstar che non ha espresso a pieno il suo potenziale. Sarebbe potuto essere molto migliore di quanto non gli abbiano permesso di essere. La sua passione per il wrestling era nata dopo essersi rotto una mano in UFC.

Gli ho suggerito che poteva incassare un po’ di denaro dedicandosi al wrestling. Lui ha accettato e il resto è storia” – ha aggiunto.