Sin Cara: "Vi racconto come mi ha trattato Vince McMahon"



by   |  LETTURE 979

Sin Cara: "Vi racconto come mi ha trattato Vince McMahon"

Sin Cara – ora noto con il nome di ‘Cinta de Oro’ – ha lasciato la WWE nel dicembre del 2019, complici alcune divergenze con i massimi esponenti della federazione di Stamford. Non è sempre facile avere a che fare con Vince McMahon e sono numerose le superstar che hanno cercato fortuna altrove dopo essersi sentite limitate in WWE.

Il caso più emblematico è stato forse quello di Cody Rhodes, che è diventato uno dei volti simbolo del circuito indipendente prima di immergersi con tutte le sue energie nella neonata All Elite Wrestling.

In una lunga intervista concessa al portale ‘Inside The Ropes’ nei giorni scorsi, Sin Cara ha parlato della mancanza di dialogo con Vince McMahon durante la sua breve permanenza nella compagnia.

Sin Cara: "Avrei meritato un trattamento migliore da Vince McMahon"

“Non sono mai andato nel suo ufficio e non ho mai bussato alla sua porta” – ha esordito De Oro.

“Non ho mai aspettato fuori dal suo ufficio nel tentativo di vedere se volesse parlarmi. Perché avrei dovuto fare una cosa del genere? Io lavoravo per la sua azienda, mettevo il mio corpo a rischio quasi ogni singola sera, quindi penso che avrei meritato una comunicazione migliore con il mio datore di lavoro.

Non ero io a dover aspettare due o tre ore per cercare di parlare con lui. Non abbiamo mai avuto una relazione fondata sul dialogo e io non ho mai avuto intenzione di mettermi lì a supplicarlo. Se sono arrivato in WWE, significa che conosci le mie qualità, sai cosa posso fare” – ha aggiunto.

Sin Cara ha cercato poi di smorzare i toni: “Le poche interazioni che ho avuto con lui sono sempre state fantastiche. Non ho mai avuto problemi, è stato gentile con me quando sono riuscito ad interagire con lui.

Quella volta in cui mi sono infortunato alla spalla, lui si è recato da me subito dopo lo show per saperne di più sulle mie condizioni. Gli ero molto grato, è stato un momento davvero bello”.