Chris Jericho spiega: "Ecco il vero motivo per cui ho lasciato la WWE"



by   |  LETTURE 5003

Chris Jericho spiega: "Ecco il vero motivo per cui ho lasciato la WWE"

Chris Jericho è una delle più grandi leggende della storia del wrestling. Nel corso della sua carriera ha collezionato ben 35 titoli in varie federazioni e nello specifico tra WWE, WCW, ECW, NJPW e CMLL. Nel corso della sua avventura in WWE ha completato anche il 'Grand Slam' della WWE ma ad un certo punto ha preferito lasciare la compagnia di Vince McMahon, tra tante polemiche, e unirsi alla nuova compagnia rivale dell'All Elite Wrestling.

In AEW Chris Jericho è uno dei wrestler più importanti e dal maggiore peso specifico ed ogni settimana ha un ruolo primario negli episodi della federazione di Tony Khan. Intervenuto ai microfoni di Insider The Ropes il wrestler canadese ha voluto fare ancora una volta chiarezza e spiegare il vero motivo per cui ha deciso di lasciare la compagnia.

Chris Jericho ed il motivo per cui ha lasciato la WWE

Nel corso di Inside the Ropes Jericho ha confermato una cosa che da tempo era risaputa spiegando nella scelta della compagnia di Vince McMahon di preferire il match tra Goldberg e Brock Lesnar come Main Event al suo contro Kevin Owens il vero motivo per cui ha deciso di abbandonare la compagnia.

Jericho ne ha parlato duramente ed ha chiarito così:

"La settimana precedente mi anticipano che i piani per Wrestlemania sono cambiati, Vince non me l'aveva neanche detto, ma il match principale per il titolo è Brock Lesnar contro Bill Goldberg.

Se penso all'aspetto economico posso capirlo, quella sfida credo che generava più soldi, ma il nostro match storicamente era superiore e valeva di più. Non mi interessava la questione titolo, ma il nostro match da una sfida principale è diventato un incontro secondario e non valeva quasi nulla.

L'ho preso come un vero insulto"

Nel corso della trasmissione Chris Jericho ha spiegato che per lui solo il match di apertura il Main Event ed i semi Main Event sono fondamentali sia economicamente che storicamente per i wrestler e per la compagnia, tutto il resto è nettamente meno importante.