Edge: "Quella sconfitta contro John Cena mi fece davvero impazzire"



by   |  LETTURE 3081

Edge: "Quella sconfitta contro John Cena mi fece davvero impazzire"

In pochi immaginavano che Edge avrebbe fatto il suo ritorno sul ring dopo i gravi infortuni che lo avevano condizionato durante il suo ultimo ‘stint’ in WWE. Intervenuto nel recente episodio dello show ‘WWE Untold’ trasmesso su WWE Network, il fenomeno canadese ha ricordato la sua frustrazione quando fu costretto a cedere il titolo WWE nelle mani di John Cena alla Royal Rumble del 2006.

L’8 gennaio di 15 anni fa, ‘The Rated-R-Superstar’ aveva sfruttato la sua valigetta per aggiudicarsi il suo primo titolo WWE a ‘New Year’s Revolution’. La sua gloria non è però durata a lungo, essendo stato obbligato a privarsene poco tempo dopo alla Rumble.

Edge ricorda la sconfitta contro John Cena

“Quella sconfitta contro John Cena mi ha fatto impazzire, perché sentivo di aver fatto tutto il possibile per dimostrare di essere un degno campione. Parlando con Mick Foley, ho capito che lui era propenso ad aiutarmi, voleva davvero che cambiasse la percezione dei fan nei miei confronti e venissi riconosciuto finalmente come un atleta da main event” – ha raccontato.

Edge e Foley si sono dunque affrontati a WrestleMania 22, per certificare che il canadese non fosse soltanto un campione di transizione. “La cosa pazzesca è che Edge aveva già messo in mostra il suo incredibile talento.

I match che aveva disputato con gli Hardyz, i Dudleyz, non erano stati secondi a nessuno. Quell’incontro a WrestleMania mi avrebbe dato la chance di riscattarmi, mentre lui avrebbe potuto affermarsi come il nuovo prospetto della WWE” – ha spiegato Mick.

Durante il suo periodo con la WWE, Edge ha aiutato molti talenti ad emerge. Uno di questi è senza dubbio Matt Cardona – meglio noto come Zack Ryder – capace di vincere il titolo Intercontinentale e quello degli Stati Uniti.

“Edge è stato uno dei primi ad avermi spronato, mi ha fatto credere che potevo farcela a sfondare in questo settore. Tutto ciò che ho imparato da lui mi accompagnerà per sempre. Ero sempre seduto in prima fila nei main event contro The Undertaker e Batista”.