WWE, Mick Foley ricorda: "Quel rifiuto a Vince McMahon mi è costato caro"



by   |  LETTURE 1137

WWE, Mick Foley ricorda: "Quel rifiuto a Vince McMahon mi è costato caro"

La leggenda ed Hall of Famer della WWE Mick Foley ha recentemente parlato del suo rapporto con il Chairman della compagnia Vince McMahon e di come questo rapporto abbia subito importanti cambiamenti nel corso degli anni. In particolare un determinato evento cambiò totalmente i rapporti tra i due.

Mick Foley difatti rifiutò di affrontare Vince McMahon a Wrestlemania 17 e questa situazione cambiò totalmente i rapporti tra i due.

Le parole di Mick Foley sul rapporto con Vince McMahon

Intervenuto ai microfoni di Insipe the Ropes Mick Foley ha spiegato di essersi pentito di aver rifiutato di sfidare Vince McMahon a Wrestlemania 17 e quella scelta ha messo a dura prova il loro rapporto.

Ecco le sue parole:

"Prima di quell'evento ogni volta che vedevo McMahon lo chiamavo Vince, ora e già dopo quella situazione iniziai a chiamarlo Mr.McMahon. Quella scelta ha ferito me ed entrambi, il nostro rapporto è cambiato, quel rifiuto mi è costato un sacco di soldi e sono sicuro che alla fine sarebbe stato un grande match a Wrestlemania"

Foley ha chiarito che sicuramente non sarebbe stato un grande incontro a livello tecnico, ma avrebbe avuto una storyline fantastica. Alla fine visto la situazione si optò per un Mick Foley solo come arbitro speciale nel match tra Vince e Shane McMahon.

Nei primi giorni del 2021 la leggenda della WWE aveva annunciato di ssere risultato positivo al Coronavirus e che questa cosa lo aveva turbato profondamente. Qualche settimana dopo la leggenda Hardcore aveva raccontato con un lungo post come questa malattia stava influenzando la sua vita.

Ecco il suo post:

"Prima di tutto, voglio raccontarvi come sto fisicamente, e secondo, voglio incoraggiare tutti a continuare a guardarsi l'un l'altro. Io so che ci sarà una fine ma al momento dobbiamo essrre molto forti e rigidi, dobbiamo indossare la mascherina e rispettare il distanziamento sociale.

Vi spiego i miei sintomi, non riesco a dormire e quando lo faccio, non dormo bene. Capita che alle 5 del mattino solo sveglio e mi sento annebbiato, sono sempre stanco e questa è la cosa che più odio"