Anderson: "Vi svelo i retroscena dietro al famoso Pipe Bomb di CM Punk"



by   |  LETTURE 2507

Anderson: "Vi svelo i retroscena dietro al famoso Pipe Bomb di CM Punk"

Nell’ultima edizione del suo ormai celebre podcast, Arn Anderson ha ricordato gli eventi legati al pay-per-view Elimination Chamber andato in scena nel 2011. Il piatto clou della serata era il match tra John Cena e CM Punk, che avrebbe decretato il ‘number 1 contender’ per il titolo WWE a WrestleMania 27.

Come gli appassionati sicuramente ricorderanno, l’incontro fu vinto dal 16 volte campione del mondo tra lo scetticismo degli addetti ai lavori. Quattro mesi dopo, CM Punk si è reso protagonista del famosissimo promo ‘Pipe Bomb’, in cui ha esternato tutti i problemi che affliggevano la WWE in quel periodo storico.

In molti si sono domandati se le affermazioni di Punk derivassero da un copione scritto in precedenza, oppure se l’atleta di Chicago fosse stato lasciato libero di esprimere i suoi pensieri.

Anderson: "C'era tensione nel backstage"

“Sapevo che quelle erano le sue vere opinioni, erano troppo forti perché si trattasse di una cosa preparata” – ha confidato Anderson.

“Lo hanno lasciato andare sul ring per sfogarsi. Non so se immaginassero che si sarebbe spinto così in là, se ne parla ancora oggi di quel promo. Sapevo bene che era stanco e che non si trovava a suo agio sul luogo di lavoro, aveva bisogno di recuperare un minimo di serenità.

Non era felice per una serie di motivi, ma non saprei dire esattamente cosa lo stesse mandando fuori di testa” – ha aggiunto. John Cena ha poi affrontato The Miz nel main event di WrestleMania 27, una scelta che ha generato diverse critiche.

“C’era talmente tanto talento in quell’edizione di WrestleMania che a molti è sembrato uno spreco vedere The Miz nel main event della serata. Quando hanno visto che The Miz era sul ring con John Cena, parecchi ragazzi erano convinti di meritare quel posto.

C’era un po’ di tensione nel backstage. Miz era sempre stato considerato un wrestler da mid-card, ecco perché quella decisione ha fatto storcere il naso a parecchi colleghi ed esperti del settore” – ha chiosato Anderson.