WWE, The Miz rivela: "Ecco quando ho scoperto che sarei diventato campione"



by   |  LETTURE 3435

WWE, The Miz rivela: "Ecco quando ho scoperto che sarei diventato campione"

Il Pay per View WWE di Elimination Chamber ha scosso gli animi della maggior parte del WWE Universe, turbati o perlomeno sorpresi da ciò che abbiamo assistito al Main Event. Dopo oltre 10 anni di astinenza The Miz ha approfittato della valigetta di Money in the Bank ed ha riscosso vincendo il titolo di WWE Champion e tornando in cima al mondo.

È stato un epilogo avvincente con l'ex campione Drew McIntyre che ha vinto la sfida ad Elimination Chamber dopo una grande battaglia contro diversi avversari e sconfiggendo come ultimo AJ Styles. Al termine del match Bobby Lashley ha preso d'assalto The Scottish Psychopath e lo ha abbattuto schiantandolo a terra sia sul ring che contro le transenne fuori dal rettangolo di lotta.

A Monday Night Raw abbiamo poi scoperto di un patto tra The Miz e Bobby Lashley ed ora, nel prossimo episodio di Monday Night Raw, i due si sfideranno in un match per il titolo con Lashley che finalmente avrà un'opportunità titolata.

Le parole di The Miz dopo Elimination Chamber

The A-Lister sta affrontando ora la sua seconda avventura da WWE Champion e ne ha parlato recentemente nel podcast di Renee Paquette, Oral Sessions. Ecco le sue parole a riguardo:
"Ad essere onesti non pensavo che avrei mai più vinto il titolo di WWE Champion.

Non sono una di quelle superstar al top, sono spesso accostato ai vertici ma non credi di vincere mai. Se questa cosa mi ha scosso? Beh, non ne avevo alcuna idea. Vedevo che nessuno mi parlava e vedevo solo membri del team creativo discutere.

Nel pomeriggio prima dell'evento finalmente mi hanno detto cosa stava succedendo ed io ho risposto 'Ok, va bene' Sembrava quasi che non ci credessi ed a dire il vero fin quando non fai 1...2..3, pensi sempre che non accadrà.

È stato tutto incredibile"

Nel corso della trasmissione The Miz ha spiegato che ha sempre visto Roman Reigns e Drew McIntyre come campioni quasi intoccabili ed anche per questo motivo non credeva di poter realmente vincere il titolo.