WWE, spunta "falso" Drew McIntyre a Raw: ecco chi era veramente



by   |  LETTURE 2413

WWE, spunta "falso" Drew McIntyre a Raw: ecco chi era veramente

Chi segue la WWE da anni (o ancora meglio decenni) sa che di tanto in tanto sui ring di Stamford compare un atleta che viene sempre e soltanto presentato in un unico personaggio: una versione ridicola, bassa e parecchio trasandata di Bill Goldberg. Si tratta di Gillberg, tornato un po' a sorpresa in quel di Raw questo lunedì notte in un segmento immancabilmente comedy e come ospite del Dirt Sheet di The Miz e John Morrison. Ma non era solo, dato che al suo fianco c'era anche un "finto" Drew McIntyre.

Insieme a Gillberg (reduce peraltro da gravi problemi di salute e che come al solito è stato presentato come se fosse il "vero" Goldberg) c'era infatti un altro attore, a cui è stato assegnato il ruolo dell'attuale WWE Champion. E che, esattamente come il suo compagno di segmento, doveva risultare fuori forma, tutt'altro che minaccioso e dal fisico improponibile. Missione riuscita, peraltro, senza particolari sforzi. Dall'America è comunque arrivata nel frattempo la risposta al quesito che molti fan si erano posti. Ma chi era il falso Drew McIntyre?

Tutto quello che c'è da sapere sul Drew McIntyre visto a Raw

A rispondere è stato l'autorevole 'PWInsider', che ha scoperto il nome dell'attore. Si tratta infatti semplicemente di un attore (mentre Gillberg è a tutti gli effetti un wrestler, sebbene pesantemente condizionato da un personaggo comedy). Si tratta di David Krumholtz, attore comico di origini ebreo-polacche famoso per diverse partecipazioni a commedie americane dal tono generalmente trash o demenziale.

Era infatti lui l'elfo di Babbo Natale in 'Santa Clause' e nel suo sequel 'Che fine ha fatto Santa Clause?', ma anche il Charlie Eppes della celebre serie televisiva 'Numb3rs' e Seth Goldstein nella trilogia cinematografica di 'Harold & Kumar'. Insomma, stiamo parlando di un dignitosissimo professionista che da quasi trent'anni conduce una carriera cinematografica anche piuttosto ricca di partecipazioni. Ma che mai aveva direttamente o indirettamente incrociato il suo cammino lavorativo con il mondo del wrestling.

Almeno fino a quando non è diventato Drew McIntyre per una notte, sul ring di Monday Night Raw.